Annapaola Ferri

Nell'ambito del recupero crediti, il termine saldo stralcio, pur essendo entrato nell'accezione comune, non è propriamente tecnico e per questo non se ne fa riferimento nella lettera di adesione alla sua proposta.

Quale messaggio intende, in poche parole, veicolarle l'attuale creditore con il testo della comunicazione?

Dire che la proposta non è una novazione vuol dire, in pratica, che se lei non dovesse rispettare integralmente il piano di rientro concordato, con pagamenti puntuali per scadenza e precisi nell'importo, la proposta perderà la sua validità e le somme eventualmente corrisposte andranno a stornare il credito originario e non quello indicato nell'accordo transattivo.

Facciamo un esempio. Lei deve 10 mila euro, ma riesce a spuntare un accordo in base al quale il creditore riduce la pretesa a 5 mila, condizionandola però da un pagamento rateale mensile di 1000 euro. Supponiamo che dopo il terzo mese, dopo aver cioè versato 3 mila euro, lei, per qualche contingente motivazione, smettesse di pagare.

Poichè, secondo quanto scrive l'attuale creditore, la proposta di accordo a saldo stralcio non sarebbe da considerarsi una novazione (cioè un rinnovo dell'obbligazione originaria pari a 10 mila euro), lei risulterebbe ancora debitore di 7 mila euro, e non di 2 mila.

Per inciso, va aggiunto che indipendentemente da cosa scrive il creditore, nel modo in cui l'accettazione è stata formulata (vincolata comunque al rispetto di nuovi accordi sottoscritti) essa rappresenta, senza alcuna ombra di dubbio, una novazione del contratto originario.

Voglio dire, cioè, che se si verificasse lo scenario ipotizzato e lei ricorresse in Tribunale contro una successiva pretesa del creditore per il rimborso dei presunti 7 mila euro residuali, il giudice le darebbe ragione, disponendo il pagamento di soli 2 mila euro.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.