Carla Benvenuto

Il credito maturato nel periodo in cui ha lavorato nella società in accomandita semplice può essere escusso nei confronti dei soci accomandatari (responsabilità patrimoniale illimitata e solidale). A nulla rilevando la successiva trasformazione della datrice di lavoro da società di persone a società di capitale e tenendo conto, in riferimento all'obbligo di preventiva escussione della sas, che i beni di quest'ultima sono già stati (quasi certamente) conferiti alla srl.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.