Rateizzazione della cartella esattoriale - aumento delle rate concedibili

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Al riguardo è stato aumentato il numero massimo di rate concedibili (da 72 a 120 rate, che corrispondono a 10 anni) per il contribuente che si trovi in grave difficoltà economica.

Inoltre, nel caso in cui ci sia una peggioramento evidente delle condizioni economiche del debitore, si può ottenere un'ulteriore dilazione di 120 rate.

La norma di riferimento è l'articolo 19, comma 1-quinques, del DPR numero 602/1973, come modificato dall'articolo 52, comma 1, del Decreto Legge numero 69/2013, secondo cui:

"La rateazione prevista dai commi 1 e 1-bis, ove il debitore si trovi, per ragioni estranee alla propria responsabilità, in una comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, può essere aumentata fino a centoventi rate mensili. Ai fini della concessione di tale maggiore rateazione, si intende per comprovata e grave situazione di difficoltà quella in cui ricorrono congiuntamente le seguenti condizioni:

a) accertata impossibilità per il contribuente di assolvere il pagamento del credito tributario secondo un piano di rateazione ordinario;
b) valutazione della solvibilità del contribuente in relazione al piano di rateazione concedibile ai sensi del presente comma".

Le modalità di attuazione delle nuove norme in materia di rateazione saranno stabilite con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, entro 30 giorni dalla data di conversione del Decreto Legge numero 69/2013.

Sino all'adozione del decreto attuativo, le istanze di rateazione continueranno ad essere trattate secondo la precedente disciplina.

Pertanto, fino all'adozione del detto decreto attuativo, non verranno concesse rateizzazioni fino a 120 rate, come ha precisato la stessa Equitalia con la direttiva del 1 luglio 2013.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info