La riscossione coattiva esattoriale in sintesi

1. Pignoramento esattoriale - Solo per debiti fino a mille euro dopo 120 giorni dal preavviso
2. Pignoramento esattoriale presso la residenza o dove il debitore svolge attività professionale
3. Pignoramento esattoriale immobiliare
4. Pignoramento esattoriale presso il datore di lavoro

Pignoramento esattoriale - Solo per debiti fino a mille euro dopo 120 giorni dal preavviso

Per debiti fino a mille euro, le azioni cautelari ed esecutive sono possibili dopo 120 giorni dall'invio al debitore del dettaglio delle iscrizioni a ruolo.

Pignoramento esattoriale presso la residenza o dove il debitore svolge attività professionale

Equitalia può pignorare beni mobili di proprietà del debitore, disponibili presso l’abitazione o nei locali dove il debitore svolge l’attività professionale, commerciale o artigianale. I beni mobili, in caso di mancato pagamento, sono in seguito messi all’asta.

I beni mobili indispensabili per l’esercizio dell’attività di impresa, arte o professione, anche se svolta in forma societaria, e in ogni caso se nelle attività del debitore risulta una prevalenza del capitale investito sul lavoro, possono essere pignorati nei limiti di 1/5, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni non appare sufficiente per la soddisfazione del credito.



Pignoramento esattoriale immobiliare

L'iscrizione di ipoteca deve essere preceduta da preavviso e non è ammessa per debiti inferiori a 20 mila euro.

Successivamente all'iscrizione d’ipoteca, se il contribuente continua a non pagare il debito, Equitalia può procedere al pignoramento immobiliare, ovvero l’atto esecutivo con cui ha inizio la procedura di vendita all’asta dell’immobile. Questa procedura esecutiva è comunque possibile solo per i debiti più rilevanti e in presenza delle condizioni stabilite dalla legge.

In particolare, il pignoramento immobiliare non può essere effettuato se l’immobile ha tutte le seguenti caratteristiche:

Negli altri casi si può procedere al pignoramento dell’immobile solo se: l’importo del debito iscritto a ruolo è superiore a 120.000 euro e sono passati sei mesi dall'iscrizione di ipoteca e il debitore non ha pagato.

Pignoramento esattoriale presso il datore di lavoro

Se il debitore vanta un credito nei confronto di un terzo, Equitalia può recuperare direttamente da quest’ultimo la somma entro i limiti dell’importo dovuto.

Le somme dovute a titolo di stipendio, salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate da Equitalia in misura pari a :

Il pignoramento non può includere l’ultimo stipendio/pensione affluito sul conto corrente del debitore, che resta quindi nella sua piena disponibilità.

10 dicembre 2014 · Paolo Rastelli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

iscrizione di ipoteca, riscossione coattiva delle cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la riscossione coattiva esattoriale in sintesi. Clicca qui.

Stai leggendo La riscossione coattiva esattoriale in sintesi Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 10 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca