Risarcimento da assicurazione per furto auto - Rimborso immediato

I suoi amici non hanno torto, tanto è vero che nell'articolo 34, del decreto legge numero 1 del 24 gennaio del 2012, si legge: È fatto obbligo alla compagnia di assicurazione di risarcire il danno derivante da furto o incendio di autoveicolo, indipendentemente dalla richiesta del rilascio del certificato di chiusa inchiesta.

Da più di un anno, quindi, vige questa norma, contenuta nel pacchetto liberalizzazioni emanato dal Governo Monti, secondo cui in caso di furto del veicolo le compagnie assicurative, sono tenute al risarcimento del danno senza chiedere all'assicurato il cosiddetto “certificato di chiusa inchiesta”.

Il certificato, ovvero quel documento attestante l'archiviazione di un procedimento penale contro ignoti, concorreva in maniera importante ad allungare i tempi di attesa per ottenere il risarcimento del danno.

Ora, non è più obbligatorio, ma sembra che molte compagnie d'assicurazione, come succede spesso, si siano "dimenticate" di segnalarlo ai propri clienti.

In verità, le assicurazioni dovevano già adeguarsi alle ultime novità legislative, ma evidentemente non tutte lo hanno fatto.

Così, entro il 31 marzo prossimo, dovranno comunicare all'Ivass (l'Authority per la vigilanza sul settore assicurativo ex Isvap) di essere in regola con la riforma.

L'IVASS ribadisce che i cittadini che, come lei, abbiano subito il furto o l'incendio della propria autovettura, non possono essere più obbligati, per ottenere il dovuto risarcimento, a rivolgersi agli uffici giudiziari competenti per richiedere il certificato di chiusa inchiesta.

In questo modo, oltre a snellire la burocrazia per l'erogazione del risarcimento, anche le varie Procure della Repubblica saranno sgravate da una inutile e pesante procedura.

11 marzo 2013 · Gennaro Andele

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento da assicurazione per furto auto - rimborso immediato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.