Risarcimento danni per ritardo nella consegna della carta bancomat

Quando è necessario sostituire il bancomat per clonazione smagnetizzazione o smarrimento

Può capitare che, per le più svariate ragioni (clonazione, smagnetizzazione, smarrimento) si renda necessaria la sostituzione della carta Bancomat. Se si registra un ritardo consistente per la consegna della nuova carta ed il ritardo è ascrivibile alle modalità di spedizione e comunque ad aspetti organizzativi propri della banca (o di Poste Italiane), il cliente ha diritto al risarcimento danni.

Infatti, in conseguenza di tale disservizio, il cliente è inevitabilmente costretto a subire una serie di disagi che si traducono nella necessità di recarsi personalmente presso i locali della banca (o dell'ufficio postale) per effettuare prelevamenti in contanti, oltre che per richiedere e sollecitare la sostituzione della carta.

Il cliente può, in conseguenza del ritardo nella riconsegna della carta Bancomat, essere altresì costretto ad aprire un nuovo rapporto di conto corrente presso altri istituti di credito.

Se si verifica un ritardo nella consegna del nuovo bancomat il cliente ha diritto al risarcimento

In questa evenienza, anche se i disagi subiti dal cliente appaiono del tutto generici, essi sono da considerarsi verosimili. Infatti l'uso del bancomat per effettuare acquisti di beni e servizi costituisce ormai un sistema abituale che reca obiettivi vantaggi all'utente.

Ne deriva che debba ritenersi pregiudizievole la condizione di chi, privato improvvisamente di tale strumento di pagamento, sia costretto a modificare le sue abitudini, dovendosi avvalere di assegni bancari per effettuare pagamenti e rendendosi necessario recarsi ogni volta presso lo sportello della banca (o dell'ufficio postale) per compiere operazioni di prelevamento in contanti in mancanza della carta bancomat.

Assume rilievo anche il tempo impiegato dal ricorrente per recarsi presso la banca (o l'ufficio postale) sia per effettuare le operazioni di sportello, sia per sollecitare la sostituzione della carta. Ne consegue la sussistenza di un concreto danno patito dal cliente a causa del colpevole ritardo nella consegna del nuovo bancomat, che può essere liquidato in via equitativa.

Quello appena esposto è l'orientamento dell'Arbitro Bancario Finanziario espresso nella decisione 745/13.

Nel caso specifico esaminato dall'ABF, il cliente, che ha dovuto attendere quaranta giorni prima di poter disporre della nuova carta Bancomat (peraltro ottenuta solo dopo aver estinto la precedente e richiesto l'emissione di una nuova), si è visto accordare un risarcimento di ben 500 euro.

30 settembre 2014 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni per ritardo nella consegna della carta bancomat. Clicca qui.

Stai leggendo Risarcimento danni per ritardo nella consegna della carta bancomat Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 30 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria carte di credito di debito (bancomat) e carte revolving Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca