Risarcimento danni » nel giudizio civile è vincolante la sentenza penale di condanna

Nel giudizio civile di risarcimento danni è vincolante la sentenza penale di condanna.

La sentenza del giudice penale, che pronunci condanna definitiva dell'imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile, demandando la liquidazione ad un successivo e separato giudizio, ha effetto vincolante, in sede civile, in ordine all'affermata responsabilità dell'imputato. Questi non potrà contestare la condanna al risarcimento, ma solo l'esistenza e l'entità del pregiudizio risarcibile.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione 23633/14.

Da quanto si apprende nella pronuncia appena riportata, in tema di risarcimento danni, non si può più contestare davanti al giudice civile la responsabilità accertata dal giudice penale, ma solo l'ammontare del risarcimento richiesto.

Secondo quanto disposto dagli Ermellini, infatti, una volta che il giudice penale abbia accertato, in via definitiva, il reato, condannando l'imputato, ma rinviando al giudice civile per la quantificazione del risarcimento danni, non si potrà più mettere in discussione la responsabilità del soggetto.

Ciò perchè la condanna al risarcimento danni in favore della parte civile fatta nell'ambito del giudizio penale è vincolante e non può essere rimessa in discussione.

Dunque, durante il processo civile, il responsabile ha la sola possibilità di contestare l'entità del danno da risarcire.

10 novembre 2014 · Gennaro Andele

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni » nel giudizio civile è vincolante la sentenza penale di condanna.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.