Nessun risarcimento a passeggero se danno causato da conducente che cerca di evitare sinistro

La notizia che ha letto è fondata: un uomo, infatti, ha frenato con forza per riuscire ad evitare l'impatto con un cane, apparso improvvisamente in strada.

Per fortuna l'animale si è salvato, ma a lamentarsi è il passeggero, una donna, per le ripercussioni subite a causa della inaspettata manovra.

Ma nessun risarcimento è riconoscibile: assolutamente corretto il comportamento dell'automobilista.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che con la sentenza numero 6813 del 19 Marzo 2013, ha sancito che: In tema di sinistri derivanti dalla circolazione stradale, l'apprezzamento del giudice di merito relativo, tra l'altro, all'esclusione del rapporto di causalità tra i comportamenti dei singoli soggetti e l'evento dannoso, si concreta in un giudizio di mero fatto, che resta sottratto al sindacato di legittimità, qualora il ragionamento posto a base delle conclusioni sia caratterizzato da completezza, correttezza e coerenza sul piano logico-giuridico (nella specie, non è dovuto il risarcimento del danno al passeggero che per la frenata brusca del conducente per evitare di investire il cane riporta lesioni gravi: se sono state adottate tutte le misure idonee a evitare il sinistro non si configura nessun nesso casuale tra evento e il danno).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nessun risarcimento a passeggero se danno causato da conducente che cerca di evitare sinistro.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.