Riqualificazione energetica degli edifici » Mini guida

Riqualificazione energetica: ristrutturare la propria abitazione non è mai stato conveniente come oggi. Le nuove agevolazioni previste dal Plafond Casa 2014 e l'Ecobonus permettono di eseguire i lavori necessari per l'ammodernamento della casa che consentiranno di rendere più leggera la bolletta energetica: oggi si risparmia sui lavori e domani sul conto energetico.

Per la riqualificazione energetica dell'edificio sarà possibile richiedere un prestito o un mutuo, in modo da poter affrontare le spese in modo comodo e dilazionato, senza preoccupazioni, ma anche senza oneri eccessivi.

Accendere un mutuo o richiedere un prestito online è la soluzione migliore per ottenere condizioni favorevoli e risparmiare tempo prezioso che altrimenti andrebbe perduto per le pratiche burocratiche.

Inoltre confrontare le offerte online consente di avere un buon numero di informazioni da poter valutare; questo è sinonimo di convenienza e offre la garanzia di poter effettuare in breve tempo la scelta migliore.

Ma perché è importante effettuare lavori di riqualificazione energetica degli edifici?

Grazie alla ristrutturazione finalizzata al risparmio energetico è possibile ridurne il fabbisogno in modo notevole: questo si ripercuoterà positivamente sulle bollette permettendo di ammortizzare la spesa sostenuta.

Ridurre il fabbisogno energetico per il riscaldamento, migliorando l'edificio tramite coibentazioni di pavimenti e finestre, installando pannelli solari o sostituendo gli impianti di climatizzazione invernale permette non solo di avere una casa più moderna ed ecologica, ma anche di avere bollette più leggere negli anni a venire.

Agevolazioni per riqualificazione energetica: Nel dettaglio

Cominciamo con il Plafond Casa, ovvero l'accordo firmato di recente tra ABI e Cassa Depositi e Prestiti mette a disposizione fondi per l'accensione di mutui a tassi agevolati.

Questi verranno di preferenza concessi a giovane coppie che vivono insieme almeno da due anni e in cui uno dei soggetti abbia meno di 35 anni mentre l'altro meno di 40, oppure a famiglie con un componente disabile, o ancora a famiglie numerose (con almeno tre figli a carico).

Ma non è tutto qui. Un ulteriore e conveniente vantaggio è rappresentato dal cosiddetto Ecobonus.

Sulle spese sostenute per effettuare lavori di ristrutturazione realizzati entro il 31 dicembre 2013 è possibile ottenere una detrazione Irpef fino 65%, mentre dall'inizio del 2014 la detrazione passerà al 36%.

Per quanto riguarda le spese per interventi su parti comuni di condomini o che riguardino tutti gli immobili di cui si compone un singolo condominio, la detrazione rimarrà al 65% ancora per diversi mesi, fino a giugno 2014.

Le detrazioni potranno essere ottenute su un tetto di spesa massimo di 96mila euro e i bonus verranno ripartiti nei successivi dieci anni, fino a 500 euro l'anno.

Accendere un mutuo oggi può quindi essere molto conveniente: è possibile usufruire di un tasso agevolato e di condizioni più favorevoli di quelle normalmente sul mercato.

E non solo: grazie alle detrazioni Irpef si risparmierà ulteriormente anche in sede di dichiarazione dei redditi.

16 gennaio 2014 · Giorgio Valli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riqualificazione energetica degli edifici » mini guida.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.