\n\n

Come molti, la rata del mutuo è diventata insostenibile: ho sempre pagato puntualmente

  • Rosanna 6 marzo 2015 at 09:07

    Come molti, la rata del mutuo è diventata insostenibile: ho sempre pagato puntualmente. Sono andata in banca più volte ed ho proposto una rinegoziazione ma mi è stato risposto che io son troppo vecchia (mutuo cointestato io 55 anni e mio figlio 32). A quanto ho letto le banche non sono obbligate a rinegoziare,ho usufruito già della sospensione di 10 mesi e quindi, ad oggi, per pagare la rata non riusciamo ad avere più una vita dignitosa (certe volte non possiamo neanche fare la spesa). Pago 900 euro al mese e chiedo se è mai possibile che non ci sia una soluzione affinchè continui a pagare, come ho sempre fatto, ed allo stesso tempo avere modo di sopravvivere. Una rata di 300 euro inferiore mi permetterebbe di andare avanti. Buona giornata a tutti!

    • Annapaola Ferri 6 marzo 2015 at 11:18

      C'è un'altra carta da poter giocare, oltre alla rinegoziazione: la portabilità. Si tratta di impiegare un pò di tempo a girare fra le varie banche, soprattutto le medio piccole, per trovare quella che offra un tasso di interesse ed uno spread inferiori, a parità di condizioni, a quelli attuali e, soprattutto, disposta a concederle un periodo di ammortamento (la durata in anni del mutuo) più lungo di quello che le residua con il mutuo in corso. In questo modo riuscirà sicuramente a risparmiare fra il 30 ed l 35% dell'importo rispetto alla rata che sta pagando adesso.

      Sarà poi la banca subentrante, una volta trovato il mutuo giusto, a contattare la banca uscente per perfezionare il trasferimento del mutuo alle nuove condizioni.

      Le suggerisco di approfondire l'argomento con la lettura di questi articoli sulla portabilità.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Torna all'articolo