Esiste anche la rinegoziazione del mutuo "secondo Bersani" - con il rischio di un «no» dalle banche

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Bersani e la sua lenzuolata

La rinegoziazione determinata dall'intesa tra il Tesoro e l'Associazione bancaria non è la sola possibilità che i mutuatari hanno per ricontrattare il prestito. Le famiglie possono sempre contare sulla rinegoziazione prevista dal decreto legge 7/07 (Bersani-bis) tra le misure per la tutela dei consumatori. Il decreto sulle liberalizzazioni, oltre ad aver rilanciato la surrogazione e la sostituzione del vecchio prestito, dopo le modifiche apportate dalla Finanziaria 2008, ha disposto che resta salva «la possibilità del creditore originario e del debitore di pattuire la variazione, senza spese, delle condizioni del contratto di mutuo in essere, mediante scrittura privata anche non autenticata». Ricontrattare, cioè modificare le condizioni del finanziamento: il tipo di tasso d'interesse, la durata o il meccanismo di calcolo della rata. La rinegoziazione così prevista, se da un lato non comporta la perdita dei benefici fiscali, dall'altro non impone alcun limite e parametro temporale. Non è perciò soggetta ad alcun vincolo ed è rimessa alla discrezionalità dell'istituto di credito.

L'opportunità che si prospetta si traduce dunque in una facoltà concessa alle parti e non in un diritto stabilito dal legislatore a favore del mutuatario. Si tratta peraltro di una facoltà riconosciuta anche per i mutui cartolarizzati: dopo la cessione dei crediti alla società veicolo, è la banca con cui il cliente ha contratto il debito che è tenuta a valutare l'opportunità di ricontrattare il mutuo.

La "seconda lenzuolata Bersani" ha comunque ampliato le possibilità del debitore di ottenere condizioni più favorevoli ricontrattando il mutuo con il creditore originario. Se non altro perché di fronte a un eventuale rifiuto della banca, non è impedito al mutuatario rivolgersi ad altro istituto di credito attraverso la surrogazione (si veda «Il Sole 24 Ore» di domenica).

Proprio per questo motivo il Bersani-bis ha innescato una sorta di circolo virtuoso a beneficio delle famiglie. Sempre più banche hanno proposto, anche senza spese aggiuntive, l'allungamento del piano di ammortamento del mutuo ai clienti in difficoltà con i pagamenti: un'operazione che può in ogni caso risultare costosa, perché prolungando la durata del mutuo, il capitale residuo si riduce in maniera più graduale e si paga di conseguenza una quota maggiore di interessi.

È vero che non è necessario estinguere il contratto esistente e aprirne un altro con nuove spese, ed è vero che non si perdono i benefici fiscali del prestito originario, ma la strada della rinegoziazione può essere praticata da chi cerca semplicemente di migliorare il proprio mutuo, senza rischiare l'insolvenza.

di Dario Aquaro da Il Sole24Ore

27 agosto 2008 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • karalis 16 settembre 2008 at 10:56

    La banca “Melior Banca” con cui ho il mutuo in essere non ha aderito alla legge Bersani è una cosa regolare o posso fare ricorso in qualche modo?
    Grazie

    Commento di Barbara | Martedì, 16 Settembre 2008

    CONVENZIONE ABI MEF

    La legge stabilisce i meccanismi di calcolo del tasso a media 2006 e il tasso massimo del conto accessorio su cui vanno a deposito gli importi differenziali fra tasso effettivo (variabile e stabilito da dinamiche di mercato) e tasso convenzionale (fisso e stabilito dal decreto Tremonti).

    L'adesione alla convenzione è invece libera.

    Per cui la cosa è regolarissima e non suscettibile di alcun ricorso.

    Puoi, volendo, cercare un'altra banca e quindi affidarti alla portabilità del mutuo (legge Bersani)

    LEGGE BERSANI - PORTABILITA'

    Sei sicura che in Melior ti abbiano proprio detto ciò che affermi?
    La Bersani è una legge a cui ci si deve adeguare. Ma ho qualche perplessità sulla tua esposizione. Se trovi una banca diversa da Melior che ti applichi condizioni migliori puoi migrare verso la nuova banca e Melior non può opporsi. Ma la nuova banca l'hai trovata?

    Credo che ci un pò di confusione nella tua esposizione.

    Melior sicuramente parla di legge Tremonti (Convenzione ABI-MEF). Tu ti riferisci, forse, alla portabilità Bersani ...

    Se invece sei sicura di quanto affermi, puoi denunciare la circostanza all'ANTITRUST, chiamando il numero verde 800.166.661.