L'ammortamento si allunga da un minimo di 30 rate mensili a un massimo di ben 59 rate

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

L'ammortamento si allunga da un minimo di 30 rate mensili a un massimo di ben 59 rate: sono quasi 5 anni in più nei quali il mutuatario dovrà continuare a versare ogni mese soldi alla banca prima di vedere la luce.

Quanto alla somma da pagare in più, si arriva a ben 21.800 euro.

Diciamo che le banche, nell'aderire alla convenzione Tremonti, hanno il loro interesse: la bontà nei confronti dei loro clienti strozzati dalla rata non è davvero l'unica molla a spingerle. Quindi, in conclusione, la rinegoziazione secondo l'accordo Tremonti alla fine costa molto di più, rispetto alla surrogazione e alla rinegoziazione classica.

L'accordo è utile solo a chi ha avuto già difficoltà a pagare delle rate; infatti in questo caso sarà molto difficile trovare alternative sul mercato o convincere la banca a ridiscutere le condizioni del proprio mutuo. C'è da aggiungere che il mercato dei mutui non troverà nessun giovamento dall'accordo Tremonti, che non incentiva la concorrenza tra banche. Sarebbe molto più utile a rendere i mutui più convenienti una vera ed effettiva applicazione delle norme sulla surrogazione: il trasferimento del mutuo senza costi e senza formalità.

Questa sì incentiverebbe la concorrenza tra banche, per attirare una clientela non più legata mani e piedi alla banca di partenza. Sul nostro sito trovate un modello tipo per attuare la surrogazione, oltre a diversi strumenti interattivi per aiutarvi a scegliere il mutuo più adatto a voi.

Infine un invito ai mutuatari. Chi ha già utilizzato la portabilità ed è stato costretto dalla banca a pagare per trasferire il mutuo ha diritto a chiederne il rimborso. L'illegittimità della richiesta delle banche è stata di recente confermata dall'Antitrust che ha condannato tutti gli istituti di credito più importanti del nostro Paese per pratiche commerciali scorrette grazie proprio alla denuncia di Altroconsumo dell'aprile scorso. Infatti, la legge non prevede spese a carico del consumatore per trasferire il mutuo a un'altra banca.

22 agosto 2008 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.