Rinegoziazione mutuo "secondo Tremonti" - Altroconsumo sostiene che non è conveniente

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Gli istituti di credito, che hanno aderito alla convenzione tra Abi e Governo dello scorso giugno per ridurre l'importo delle rate, stanno mandando in questi giorni le lettere con la proposta di rinegoziazione. Avete ricevuto la lettera e vi state chiedendo se conviene cambiare? Per Altroconsumo esistono possibilità più convenienti.

Secondo i calcoli di Altroconsumo, si finisce per spendere di più rispetto sia alla rinegoziazione tradizionale vis-à-vis con la propria banca, sia alla surrogazione (il trasferimento del mutuo a un'altra banca). Ma vediamo le due alternative alla "rinegoziazione Tremonti" consigliate nell'articolo che segue. L'articolo è, ovviamente, a cura di Altroconsumo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.