Quali batterie?

La corrente di una batteria costa fino a 1000 volte di più di quella della rete. Se si ha veramente bisogno di batterie, l'ideale è utilizzare degli accumulatori al nickel-matal idruri (NiMH), che si ricaricano fino a 1000 volte. Per gli apparecchi utilizzati occasionalmente (lampadina tascabile, radio) o che necessitano di pochissima energia (orologio, telecomando), le pile alcaline presentano migliori prestazioni delle carbone-zinco. Attenzione: tutte le batterie sono considerate rifiuti pericolosi, pertanto devono essere depositate negli appositi contenitori per il riciclaggio (negozi o centri di raccolta).

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quali batterie?. Clicca qui.

Stai leggendo Quali batterie? Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 19 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca