La presentazione del ricorso al verbale di multa non elimina l'obbligo di comunicare i dati del conducente

In caso di violazione al codice della strada a cui consegua la sanzione amministrativa accessoria della decurtazione di punti della patente, il ricorso avverso la violazione principale non elimina, in capo al proprietario del veicolo, l'obbligo di comunicare i dati del conducente richiesti dalla P.A. che attiene ad un dovere di collaborazione di natura autonoma ed è separatamente sanzionato.

A parere del Ministero dell'interno, invece, la presentazione di un ricorso avverso il verbale di contestazione poteva costituire un giustificato e documentato motivo di omissione dell'indicazione delle generalità del conducente.

Così hanno deciso i giudici della Corte Suprema nella sentenza 15542/15.

25 luglio 2015 · Giuseppe Pennuto

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la presentazione del ricorso al verbale di multa non elimina l'obbligo di comunicare i dati del conducente. Clicca qui.

Stai leggendo La presentazione del ricorso al verbale di multa non elimina l'obbligo di comunicare i dati del conducente Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 25 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info