La sentenza della Corte di Cassazione su impugnabilità dell'estratto di ruolo

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Si allarga il raggio dell'impugnazione nel processo tributario:  l'estratto di ruolo può essere impugnato dal contribuente anche senza la notifica della cartella di pagamento.

Insomma, l'estratto può essere oggetto di ricorso alla commissione tributaria perché costituisce esso stesso una parziale riproduzione del ruolo, cioè di uno degli atti considerati impugnabili dall'articolo 19 del decreto legislativo 546/92. Così la Cassazione con l'ordinanza 15946/10 ha accolto il ricorso di due contribuenti contro il verdetto della commissione tributaria regionale che aveva negato l'impugnabilità dei ruoli non comunicati in difetto di atti ulteriori.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.