Costituzione in giudizio contro la cartella esattoriale originata dal mancato pagamento di irpef iva e bollo auto

Il contribuente, entro 30 giorni da quando ha proposto il ricorso, deve - a pena di inammissibilità - costituirsi in giudizio, cioè deve depositare il proprio fascicolo presso la segreteria della Commissione tributaria provinciale o spedirlo per posta, in plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento.

Il fascicolo deve contenere:

  • l'originale del ricorso se è stato notificato tramite l'Ufficiale giudiziario, oppure la copia del ricorso se è stato consegnato o spedito per posta; in questo caso il contribuente deve attestare che la copia sia conforme all'originale del ricorso;
  • la fotocopia della ricevuta del deposito o della spedizione per raccomandata postale;
  • la fotocopia della cartella di pagamento.

Chi perde in giudizio può essere condannato al pagamento delle spese.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su costituzione in giudizio contro la cartella esattoriale originata dal mancato pagamento di irpef iva e bollo auto. Clicca qui.

Stai leggendo Costituzione in giudizio contro la cartella esattoriale originata dal mancato pagamento di irpef iva e bollo auto Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 28 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria contenzioso e impugnazione di cartelle esattoriali originate da omesso o insufficiente pagamento di tributi e contributi Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info