Commissione tributaria provinciale - sospensione del ricorso

La sospensione del ricorso scatta qualora sorga l'esigenza di risolvere in via pregiudiziale una questione di falsità in atti o documenti (sollevata con la querela di falso) oppure quando si ponga una questione sullo stato e sulla capacità delle persone (esclusa quella di stare in giudizio). In quest'ultima circostanza, essendo prevista la competenza esclusiva del tribunale civile, è naturale che il giudice tributario sospenda il processo fino a quando la questione non sia decisa nella competente sede con sentenza passata in giudicato.

Durante la sospensione non possono essere compiuti atti del processo tributario nè ad opera delle parti, nè della Commissione, e neppure della Segreteria.

Dopo che è cessata la causa che ha determinato la sospensione, il processo continua se entro 6 mesi da tale data viene presentata da una delle parti istanza di trattazione al presidente di sezione. Tale termine è tassativo, se viene fatto trascorre inutilmente, l'intero processo si estingue.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su commissione tributaria provinciale - sospensione del ricorso. Clicca qui.

Stai leggendo Commissione tributaria provinciale - sospensione del ricorso Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 23 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria informazioni generiche sul ricorso avverso la cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 5 6 7

Contenuti suggeriti da Google

Altre info