Quando presentare il ricorso all'Abf

Un cliente ha la possibilità di rivolgersi all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) quando il contrasto sorto con l'intermediario non si è risolto attraverso la fase del reclamo.

Prima di presentare un ricorso all'ABF, è necessario presentare un reclamo scritto all'intermediario.

L'intermediario deve avere al suo interno un ufficio o una persona responsabili della gestione dei reclami, sempre aggiornati sugli orientamenti e le decisioni dell'Arbitro.

L'intermediario deve rispondere al cliente entro 30 giorni dalla presentazione del reclamo. Se non lo fa o se il cliente non è soddisfatto della risposta, allora è possibile rivolgersi all'ABF.

Il cliente può ricorrere all'ABF entro 12 mesi dalla presentazione del reclamo all'intermediario. Se sono trascorsi 12 mesi è tenuto a presentare un nuovo reclamo prima di potersi rivolgere all'ABF.

L'Arbitro Bancario Finanziario può decidere su tutte le controversie che riguardano operazioni e servizi bancari e finanziari, quali ad esempio i conti correnti, i mutui, i prestiti personali:

  • fino a 100.000 euro, se il cliente chiede una somma di denaro;
  • senza limiti di importo, se il cliente chiede soltanto l'accertamento di diritti, obblighi e facoltà (ad esempio, per la mancata consegna della documentazione di trasparenza o la mancata cancellazione di un'ipoteca dopo aver estinto un mutuo).

L'Arbitro Bancario Finanziario, invece, non può decidere quando la controversia:

  • riguarda operazioni o comportamenti anteriori al 1° gennaio 2009
  • riguarda servizi e attività di investimento quali la compravendita di azioni e obbligazioni o le operazioni in strumenti finanziari derivati
  • riguarda beni o servizi diversi da quelli bancari e finanziari, quali il bene concesso in leasing o venduto mediante operazioni di credito al consumo (ad esempio, nel caso del leasing o del prestito per l'acquisto di un bene, l'ABF non decide sui difetti del bene oggetto del contratto)
  • è già all'esame dell'autorità giudiziaria
  • è già stata sottoposta a sistemi di arbitrato o conciliazione. Il ricorso all'ABF è tuttavia possibile se una procedura di conciliazione non va a buon fine o se è stata attivata dall'intermediario e il cliente non vi ha aderito.

All'Arbitro Bancario Finanziario possono essere sottoposte le controversie che coinvolgono gli intermediari, italiani o esteri che operano stabilmente in Italia, iscritti negli albi ed elenchi tenuti dalla Banca d'Italia e in particolare:

  • banche
  • intermediari finanziari iscritti nell'elenco di cui all'articolo 107 del Testo Unico Bancario (TUB), secondo il testo precedente alla riforma del 2010
  • intermediari finanziari iscritti nell'elenco di cui all'articolo 106 del TUB e confidi di cui all'articolo155, comma 4, del TUB, secondo il testo precedente alla riforma del 2010
  • istituti di pagamento
  • istituti di moneta elettronica (IMEL)
  • Poste Italiane per l'attività di Bancoposta.

Da notare bene che le banche e gli intermediari che hanno sede in un altro Stato membro dell'Unione Europea e operano in Italia in regime di libera prestazione di servizi non sono obbligati ad aderire all'ABF, purché aderiscano o siano sottoposti a un sistema stragiudiziale estero partecipante alla rete Fin-Net.

In quest'ultimo caso il cliente può comunque rivolgersi al sistema stragiudiziale nazionale, che lo mette in collegamento con il sistema equivalente del Paese in cui l'intermediario opera.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando presentare il ricorso all'abf.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • roberto76 12 marzo 2015 at 16:24

    Ho letto la risposta e la ringrazio. Ora la mia domanda è: prima di rivolgermi all'ABF devo effettuare un reclamo scritto all'intermediario. In questo caso a chi? Cosa devo scrivere nel reclamo?

    • Ludmilla Karadzic 12 marzo 2015 at 18:24

      L'intermediario, nel suo caso, è Poste Italiane. Nel reclamo (da inviare con raccomandata AR) deve chiedere il pagamento del vaglia postale, indicandone numero di serie ed ogni elemento identificativo della emissione. Acquisita la risposta negativa, o il silenzio, di Poste Italiane, presenterà ricorso all'ABF.