Dell'opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada

Di seguito l'articolo 7 del nuovo Decreto legislativo recante: "Disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione, ai sensi dell'articolo 54 della legge 18 giugno 2009, numero 69”  definitivamente approvato dal CDM il 1° settembre 2011

  1.  Le controversie in materia di opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada di cui all'articolo 204-bis del decreto legislativo 30 aprile 1992, numero 285, sono regolate dal rito del lavoro, ove non diversamente stabilito dalle disposizioni del presente articolo.
  2.  L'opposizione si propone davanti al giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione.
  3.  Il ricorso è proposto, a pena di inammissibilità, entro trenta giorni dalla data di contestazione della violazione o di notifica del verbale di accertamento, ovvero entro sessanta giorni se il ricorrente risiede all'estero e può essere depositato anche a mezzo del servizio postale. Il ricorso è altresì inammissibile se è stato previamente presentato ricorso ai sensi dell'articolo 203 del decreto legislativo 30 aprile 1992, numero 285.
  4.  L'opposizione si estende anche alle sanzioni accessorie.

3 settembre 2011 · Giuseppe Pennuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dell'opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • ollavac 13 marzo 2012 at 13:43

    Salve..volevo sapere gentilmente il termine dei 90 giorni si deve intendere superiori a essi..In quanto l'infrazione a me contestata è stata fatta il 16 novembre 2011 ed è stata consegnata alle Poste Italiane il 14 febbraio 2012 e notificatami il 7 marzo del 2012.Quindi i 90 giorni cadono proprio il giorno della consegna quindi non è prescrivibile ??!! Inoltre vorrei chiedere se è possibile fare ricorso per visita medica domiciliare in quanto Medico Chirurgo e l'infrazione suddetta si riferisce proprio al passaggio a Pzza Dante a Napoli alle ore 22.48 e mi viene contestato il passaggio su Corsia Riservata alla Circolazione dei Mezzi Pubblici Art.7 comma 9 e 14 nel mentre mi recavo a casa di un'amica paziente che per raggiungere il suo domicilio bisogna necessariamente attraversare quel tratto di strada..Grazie anticipatamente.

    • Giorgio Valli 13 marzo 2012 at 15:13

      I 90 giorni partono da quello successivo all'infrazione (se non si tratta di un giorno festivo). Quindi, purtroppo, la notifica del verbale rientra nei termini previsti dalla legge.

      A meno che lei non avesse un ferito a bordo, o non fosse stato chiamato in ospedale per un intervento urgente (quindi documentabili entrambe le situazioni di emergenza) è difficile che possa riuscire a spuntarla con un ricorso. Ma può sempre provarci ...