Ricorso a cartella esattoriale originata da multe » Articolo 615 codice di procedura civile


Quando si contesta il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata e questa non è ancora iniziata, si può proporre opposizione al precetto con citazione davanti al giudice competente per materia o valore e per territorio. Il giudice, concorrendo gravi motivi, sospende su istanza di parte l’efficacia esecutiva del titolo.

Quando è iniziata l’esecuzione, l’opposizione di cui al comma precedente e quella che riguarda la pignorabilità dei beni si propongono con ricorso al giudice dell’esecuzione stessa. Questi fissa con decreto l’udienza di comparizione delle parti davanti a sé e il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto.

Se, invece,  il ricorso riguardante violazioni al codice della strada è esperito prima dell’inizio dell’esecuzione (prima della notifica della cartella esattoriale), giudice competente deve ritenersi, in applicazione del criterio dettato dall’art. 615, primo comma, c.p.c., quello ritenuto idoneo dal legislatore a conoscere della sanzione, cioè quello stesso indicato dalla legge come competente per l’opposizione al provvedimento sanzionatorio. Ovvero, nel caso di multe per violazione al C.d.S., il Giudice di Pace nel termine di 30 giorni (che partono dal momento in cui si apprende l’esistenza del verbale di multa non notificato).  Così si è pronunciata la Corte di Cassazione in numerose sentenze.

Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Ricorso a cartella esattoriale originata da multe » Articolo 615 codice di procedura civile Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il 21 aprile 2012 Ultima modifica effettuata il 28 luglio 2014 Classificato nelle categorie cartelle esattoriali originate da multe, ricorso a cartella esattoriale, ricorso opposizione al verbale di multa Etichettato con tag , , , , , , , , , , , , , , Archiviato nella sezione origine dei debiti » multe ricorsi e sinistri » ricorso al verbale di multa Letture 3.844 Numero di commenti e domande: 5 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda.

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

    Connect with:
  • giacomo2 13 agosto 2012 at 22:26

    Il giorno 17 LUGLIO 2012 ho trovato nella buca postale la cartolina verde, che a causa della mia assenza e dei soggetti idonei non è stato possibile notificarmi un’atto e che lo stesso sarà depositato presso la casa comunale. Oggi 13 agosto mi è arrivata la raccomandata di avvenuto deposito portata dal postino dove all’interno era specificato che la Cartella era stata depositata e che l’agenzia di riscossione delegava il postino a darmi detta notizia, mi sono recato presso la Casa Comunale e la cartella esattoriale si rifà a delle contravvenzioni al C.d.S. non pagate.

    All’interno della Cartella vi è una relata di notifica mi sembra compilata con carta copiativa, ma è in pratica illeggibile la data è praticamente assente o non è rimasto nulla della trascrizione, ed inoltre viene evidenziata con una “x” la casella che indica che l’atto non è stato possibile notificarlo perchè rifiutato (ovviamente ciò è impossibile perchè come detto inizialmente causa la mia assenza ho trovato la cartolina verde nella buca postale), in pratica e stata ricopiata malissimo…..

    Ciò in virtù delle ultime pronunce da parte dei giudici di merito, può costituire un motivo per presentare un ricorso?

    Anche perchè secondo me ci sarebbero anche altri motivi, per esempio il mancato rispetto della notifica entro i 2 anni dall’iscrizione al ruolo

1 2 3