Ricorsi al Giudice di Pace contro le cartelle esattoriali originate da multe non pagate A Roma uffici in tilt: per superare l'emergenza il pagamento dei servizi di giustizia o un condono

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

È chiaro che non si può continuare così: la situazione del Giudice di Pace rischia di diventare intollerabile». Il presidente del Tribunale di Roma, Paolo De Fiore, questa volta ha voluto «rendersi conto di persona». Martedì mattina zitto zitto è andato in via Teulada, ha visto, ha chiesto e ha verificato sul campo che le lamentele e la rabbia di migliaia di romani sono tutto tranne che campate per aria. «Bisogna fare qualcosa - insiste l'alto magistrato -Interverrò con il Ministero della Giustizia. Serve un impulso. È necessario che si sappia ai più alti livelli lo stato in cui versa la sezione civile di Roma. Mi auguro che ci sia un'ispezione ministeriale. Non per punire qualcuno. Ma perché si comprenda fino in fondo quello che sta accadendo e quello che potrebbe accadere». Lo sfacelo della sezione civile del Giudice di Pace è sotto gli occhi di chi vuole vedere da almeno due anni. Ma nonostante le denunce e gli esposti, da via Arenula, sede del Ministero di Grazia e Giustizia, guidato da Angelino Alfano, nulla si muove.
giudice di pace

Ricorsi giacenti da mesi e non iscritti a ruolo

Eppure gli allarmi, ormai, non provengono più esclusivamente da “semplici” cittadini: De Fiore, l'uomo al vertice di tutto il Tribunale di Roma, civile e penale, uno dei più alti magistrati in servizio nella Capitale, non è certo una persona che si fa impressionare da qualche fila. «Ma sono entrato in una stanza - racconta - e non nascondo di essere rimasto stupefatto anche io. Ho visto sacchi in cui giacciono decine di migliaia di ricorsi mandati dalla gente per posta che non è stato neppure possibile iscrivere a ruolo. Bisogna trovare una soluzione, perché, con il personale che c'è ora, è praticamente impossibile trovarne una».

Le istanze al GDP cresciute del 400% rispetto al 1996

La stanza in cui è entrato De Fiore esiste e si riempie senza sosta da mesi. È non soltanto lo specchio dell'agonia del Giudice di Pace sezione civile ma la premessa di ciò che potrebbe accadere. Gli uffici di via Teulada, nel 1996, quando nacque la cosiddetta “giustizia minore”, trattavano 50 mila cause l'anno. Gli impiegati allora erano 100. Il personale, oggi, è a quota 120. Ma l'anno scorso i ricorsi, quelli iscritti e quelli rimasti nei sacchi della posta, sono arrivati a 216.000. Per chi ama le statistiche, si può metterla così: il numero degli amministrativi è cresciuto del venti per cento, quello delle pratiche del quattrocento per cento. Non serve un Pico della Mirandola per capire che la macchina organizzativa di via Teulada, con le forze che ha, non ha alcuna possibilità di sfuggire alla paralisi.

Ogni giorno più di 300 ricorsi

Ogni giorno, soltanto per posta, arrivano 300 ricorsi. Gli impiegati, dopo aver assorbito il lavoro agli sportelli, non riescono a smaltirne più di cento. Attualmente si sta cercando di iscrivere a ruolo i ricorsi arrivati nell'estate del 2008. A fine anno si potrebbe arrivare a un arretrato di oltre centomila pratiche. Gli avvocati, De Fiore ne è cosciente, sono sul piede di guerra. «Migliaia di cittadini - dice uno di loro - hanno fatto ricorso contro multe e cartelle esattoriali pensando di bloccare così i procedimenti esecutivi dell'esattoria, cioè la Gerit. Ma se questo non sarà possibile per lo stato in cui versa il Giudice di Pace, è chiaro che si studierà l'ipotesi di una valanga di denunce per omissione di atti di uffici contro i vertici di via Teulada e tutti coloro che sono chiamati a vigilare».

La situazione di stallo determinata dalla scelta della PA di elevare  "multe a pioggia"

«Giorni fa - dice De Fiore - ho ricevuto una dettagliata relazione sullo stato degli uffici di via Teulada dal coordinatore dei giudici (Guido Mailler, ndr) e dalla dirigente amministrativa (Anna Maria Di Bartolomeo, ndr). Il Ministero sostiene che al personale mancano solo cinque unità. Ma è evidente che la pianta organica è sottostimata e non tiene conto del fatto che le esigenze della cosiddetta ”giustizia minore” sono enormemente aumentate nel corso degli anni. Il fenomeno, è chiaro, nasce da una degenerazione dell'attività della pubblica amministrazione. La scelta di fare multe a pioggia viene di fatto scaricata sulla Giustizia.

Per superare l'emergenza pagamento dei servizi di giustizia o condono

Soluzioni? O si rafforza, e di molto, il personale, oppure si impone ai cittadini un contributo sulle opposizioni in modo da scoraggiare quelle minime o palesemente infondate. La terza strada è fare una sorta di “amnistia” sulle sanzioni pendenti. Il costo per l'Erario, in fondo, sarebbe di poco conto, visto che circa il novanta per cento dei ricorsi viene accolto. Non sta a me decidere: ma bisogna che qualcuno, prima della paralisi, si muova».

di Luca Lippera

Per porre una domanda sulle cartelle esattoriali clicca qui e scrivi nella sezione fisco e tasse se la cartella

15 maggio 2009 · Paolo Rastelli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • MICHELE 1 luglio 2009 at 13:54

    L'ESATRI CONTINUA A CHIEDERMI IL PAGAMENTO DI DUE CARTELLE ESATTORIALI ANNO 1994 INERENTI A DEI VERBALI, DOVREBBERO ESSERE CONDONATE VI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE

    • weblog admin 1 luglio 2009 at 14:00

      Sono putrefatte, più che condonate.

      Ma deve:
      1) recarsi negli uffici Esatri per capire se sono disposti ad applicare lo sgravio;
      2) proporre entro i termini previsti dalla notifica il ricorso.

      Può consultare questo articolo per quanto attiene la prescrizione.

      Può consultare questo articolo per quel che riguarda il ricorso giudiziale.