Finanziamenti e carte revolving

Vada pure in banca a scambiare due chiacchiere fra amici con il direttore, ma la cosa importante è comunicare formalmente all'agenzia la sua disponibilità ad onorare i debiti attraverso una ristrutturazione degli stessi: una rata sostenibile in base alle reali possibilità di rientro attuali ed un unico piano di ammortamento, per tutti i debiti, dimensionato sulla rata di cui il debitore può farsi carico, senza essere costretto alla fame.

Le comunicazioni dovranno essere effettuate con raccomandata AR e dettagliate con gli eventi che hanno determinato l'insolvenza e con un prospetto che evidenzi le entrate e le uscite mensili.

Le chiacchiere con il direttore non potrà presentarle al giudice, laddove la banca dovesse rifiutare la ristrutturazione e procedere per decreto ingiuntivo, finalizzato al pignoramento dello stipendio, ad esempio.

Le raccomandate AR, invece, sì. Dimostrano la volontà del debitore di non volersi sottrarre agli obblighi assunti e la protervia del creditore che decide di non venire incontro a richieste di consolidamento ampiamente motivate.

13 novembre 2012 · Simone di Saintjust

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su finanziamenti e carte revolving. Clicca qui.

Stai leggendo Finanziamenti e carte revolving Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 13 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info