Società in accomandita semplice (sas) - nessun beneficio di escussione per il socio accomandatario

Le sezioni unite della Corte di Cassazione, con la sentenza numero 18312 del 30 agosto 2007, hanno sancito che il socio accomandatario è illimitatamente e direttamente responsabile e va quindi considerato debitore al pari della società. In altre parole, non è previsto per il socio accomandatario il beneficio di escussione per cui il creditore, prima di aggredire i beni del socio accomandatario, debba procedere necessariamente nei confronti della società in accomandita.

8 settembre 2013 · Marzia Ciunfrini

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca