Pignoramento stipendi e pensioni - Vale la seguente interpretazione

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La disciplina prevista in materia di pignoramento, per dipendenti pubblici e privati, prevede quanto segue:

  1. per debiti verso il datore di lavoro derivanti dal rapporto nel limite di un quinto, al netto delle ritenute;
  2. per tributi dovuti all'amministrazione pubblica (Stato, province e comuni) nel limite di un quinto, sempre al netto delle ritenute:
    •  1/10 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore sia minore di 2.500 euro netti
    •  1/7 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore sia compreso fra 2.500 e 5.000 euro netti
    •  1/5 nel caso in cui l'importo mensile percepito dal debitore vada oltre i 5.000 euro netti.
  3. per ogni altro credito nei limiti di un quinto.

Per porre una domanda sui limiti alla pignorabilità dello stipendio per dipendenti pubblici e privati o su altri argomenti correlati clicca qui.

26 luglio 2013 · Paolo Rastelli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 18 19 20