Regime patrimoniale di separazione dei beni per limitare guai futuri

Fondatissimi i suoi timori, tanto più che con un'attività professionale in regime di partita IVA, può andare storta anche se procede al meglio: basta solo pensare all'entità dei contributi da versare all'INPS per la gestione separata.

Come lei sembra essere giustamente consapevole, se qualcosa può esser fatto bisogna farlo prima che si formi un solo centesimo di debito. Non dopo.

Comunque, non ci sono soluzioni indolori e non invasive per preservare a moglie e figli la disponibilità dell'unica casa di proprietà, o delle risorse finanziarie per poterne locare una.

Una possibilità è quella banale di vendere la casa, optare per un regime patrimoniale di separazione dei beni e depositare il ricavato su un conto corrente intestato all'altro coniuge, non impegnato in attività professionali con partita IVA.

L'altra ipotesi è separarsi legalmente, concordando l'assegnazione della casa coniugale a moglie e figli. Abbiamo già ampiamente discusso in altri post su questa stessa pagina dei pro e dei contro di tale soluzione. Ad essi la rimando.

Per quanto attiene la cessione del quinto, nella determinazione della rata di rimborso, viene considerato uno stipendio netto mensile ricavato dallo stipendio annuo lordo, al netto delle trattenute e dell'Irpef, diviso dodici. Lo stipendio considerato non è dunque quello base, ma include anche la tredicesima ed eventualmente la quattordicesima. Allora, nel momento in cui lei decide di lasciare l'azienda, il datore di lavoro dovrà effettuare il calcolo del 20% della retribuzione netta erogata (comprensiva dei ratei maturati per la tredicesima ed eventualmente per la quattordicesima) ed operare una compensazione con quanto da lei già versato per la cessione del quinto fino al momento delle dimissioni.

Il premio di esodo non può essere utilizzato per il parziale o totale rimborso della cessione del quinto.

25 ottobre 2012 · Tullio Solinas

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca