Reddito minimo garantito » Parte la sperimentazione

Il reddito minimo garantito è una forma di sostegno al reddito, presente in tutti i Paesi europei tranne che in Italia e in Grecia, destinata a tutti i residenti in età lavorativa che si trovano sotto la soglia di povertà. La forma sperimentale introdotta nel maxiemendamento si chiama SIA, Sostegno per l'Inclusione Attiva.

Il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) e il reddito minimo garantito

Le motivazioni dell'introduzione del SIA sono forti ed evidenti.

Da tempo si segnala l'assenza nel nostro ordinamento, a differenza che nella quasi totalità dei paesi europei, di un istituto nazionale di sostegno per tutte le persone in difficoltà economica.

Gli strumenti esistenti sono indirizzati quasi esclusivamente alla popolazione anziana e alle persone con disabilità. Esistono poi alcune iniziative locali più consolidate, a livello comunale (specie nel Centro-Nord) o regionale (Valle d'Aosta, provincie di Bolzano e Trento), mentre altri interventi realizzati a livello regionale (Friuli, Lazio, Campania, Basilicata) non si sono tramutati in strumenti permanenti.

L'insieme di queste caratteristiche fa sì che, a parità di condizioni di povertà, individui e famiglie possono contare, quando vi siano, su sostegni pubblici molto diversi.

Nel complesso l'Italia spende per la lotta alla povertà in modo poco efficace e soprattutto in misura sensibilmente inferiore alla media dei paesi comunitari.

La forte caduta dei redditi delle famiglie italiane nell'attuale recessione e l'aumento preoccupante dei tassi di povertà, sia relativa che assoluta, di recente documentati dall'Istat, rendono ancor più urgente che in passato colmare questa lacuna del nostro ordinamento, al fine di portare le persone alla capacità di acquisto di un paniere di beni ritenuto decoroso in relazione agli stili di vita prevalenti.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su reddito minimo garantito » parte la sperimentazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.