Redditi on line - gli effetti collaterali altamente indesiderati saranno frodi creditizie e furti di identità

Qui non si vuole discutere dei massimi sistemi: non interessa stabilire se la pubblicazione sul web dei dati fiscali di milioni di cittadini italiani sia stata giusta o meno. Se questa operazione abbia rappresentato effettivamente un passo in avanti verso la trasparenza fiscale. Non si esaminano questioni al margine del filosofico, sulla privacy e fin dove questa debba essere sacrificata all'interesse generale.

Nemmeno si intende analizzare la possibilità che i dati diffusi possano, adesso, essere utilizzati per operazioni di marketing. Un incremento dei messaggi pubblicitari indesiderati, in questi tempi di spam violento, non può arrecare danni percepibili.

Una sola cosa è certa. I dati diffusi saranno una manna piovuta dal cielo per tutte quelle organizzazioni malavitose (e sono tante) che operano nel sottobosco delle truffe alle finanziarie. Truffe che si basano sul consolidato meccanismo del furto di identità e che si realizzano nel non troppo rigido e incontrollato campo del credito al consumo.

Furti di identità che per le malcapitate vittime precludono qualsiasi possibilità di accesso al credito, per lungo tempo. Oltre a comportare ingenti spese per gli avvocati e per le necessarie pratiche di cancellazione dagli elenchi dei protestati e dei cattivi pagatori.

E le conseguenza riguarderanno tutti, ma soprattutto quelli con un 730 da poveracci.

Infatti, anche se può sembrare un paradosso, le finanziarie sono molto sospettose nel concedere credito al consumo a quanti allegano alla documentazione una dichiarazione dei redditi di tutto rispetto.

Grillo, dunque, paventa potenziali pericoli per i ricconi in relazione all'attività dell'anonima sequestri, dopo la pubblicazione nel web dei dati fiscali.

Noi denunciamo invece più realistiche conseguenze per i soliti, poveri sfigati.

E' proprio il caso di concludere che, come al solito, ... piove sempre sul bagnato!

6 maggio 2008 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su redditi on line - gli effetti collaterali altamente indesiderati saranno frodi creditizie e furti di identità. Clicca qui.

Stai leggendo Redditi on line - gli effetti collaterali altamente indesiderati saranno frodi creditizie e furti di identità Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 6 maggio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca