Recupero TFR » Ecco come ottenerlo tramite il Fondo di Garanzia quando l'azienda presso cui lavori presenta domanda di concordato preventivo [Commento 3]

  • andrea_zolfi 21 gennaio 2016 at 10:51

    Ringrazio per la risposta.

    Nonostante io abbia tentato di essere esaustivo, ho sbagliato ad usare una espressione chiave: per "richiesta di recupero" intendevo "causa legale intrappresa prima che il datore di lavoro sia sottoposto ad una procedura concorsuale (dato lo stato di insolvenza cronico)".

    Mi è stato segnalato il caso in cui :
    - nel corso dell'esercizio di impresa e lontano da ogni preavviso di procedura concorsuale;
    - una causa legale intrappresa dal dipendente, tramite un sindacato nazionale, che diventa esecutiva con il pignoramento dei beni, ma i beni sono insufficienti;
    - SUCCESSIVAMENTE il datore è sottoposto ad una procedura concorsuale;
    - tale causa legale sarà accodata alle richieste di rimborso al fondo di garanzia INPS.

    Invece, il caso in cui:
    - nel corso dell'esercizio di impresa e lontano da ogni preavviso di procedura concorsuale;
    - una causa legale intrappresa dal dipendente, tramite un proprio avvocato, che diventa esecutiva con il pignoramento dei beni, ma i beni sono insufficienti;
    - SUCCESSIVAMENTE il datore è sottoposto ad una procedura concorsuale;
    - tale causa legale sarà accodata alle richieste di insinuazione allo stato passivo, alla stregua degli altri creditori chirografari.

    Quindi, con un sindacato nazionale (e pagando la provvigione del 5%), pagherà l'INPS alle calende greche. Invece, con un proprio avvocato, si potrà subire una perdita dal 25 al 75% del TFR vantato.

    Come esperienza al di fuori di questo quesito, voglio ricordare che tutti i sindacati nazionali affermano con sicurezza che la (famosa e famigerata) richiesta di rimborso al fondo di garanzia INPS non è affatto facilitata se tale richiesta è avviata da un dipendente o da un avvocato: "chi voglia capire, capisca"!

    • Simone di Saintjust 21 gennaio 2016 at 11:08

      Che il sindacato sia "raccomandato" anche in sede giudiziale"? Ci sarebbe da gridare all'incostituzionalità o all'invalidità di norme e procedure che "facilitano" la richiesta di accesso al Fondo di garanzia del TFR se effettuata dal sindacato.

      Vero è che quando il sindacato interviene, con i propri legali, soprattutto per rivendicazioni collettive, esiste sempre una pressione di ordine psicologico, per i funzionari INPS ed i giudici, dal momento che si tratta di tutelare gli interessi di più soggetti.

      Ed è anche vero, ma non sempre, che i costi per onorari legali se la causa è supportata dal sindacato, e soprattutto a fronte di cause collettive, risultano minori per il lavoratore. Ecco, posta in questi termini la questione ha un suo fondo di verità.

1 2 3 4

Torna all'articolo