Recupero crediti selvaggio e vessatorio da parte di Recus Italia

Recupero crediti selvaggio e vessatorio da parte di Recus per Abbanoa: Federconsumatori, Adoc e Adiconsum ricorreranno all'autorità giudiziaria.

Il 25 novembre u.s., presso lo sportello Federconsumatori di Cagliari, si è tenuta la conferenza stampa organizzata da Federconsumatori, Adoc e Adiconsum per denunciare i metodi vessatori attraverso i quali la Recus Italia, società di recupero crediti con appalto da Abbanoa, sta perseguitando i consumatori sardi. Nella cornice di una crisi economica che sta duramente colpendo l'Isola con centinaia di posti di lavoro persi in pochi anni, si aggiunge un quadro drammatico quando, davanti al dovere di pagare i tributi, si aggiunge il terrore instillato da società che perseguono solo il profitto.

Questa drammatica realtà è stata portata a galla dalle moltissime richieste di aiuto giunte agli sportelli di Federconsumatori da parte di cittadini che hanno subìto (e in alcuni casi stanno continuando a subire) da parte della Recus Italia, telefonate che hanno istituzionalizzato un metodo persecutorio, già ravvisabile dalla presentazione della loro azienda sul proprio sito web. In modo accanito, in orari non consentiti dal codice deontologico della Unirec (alla quale risultano associati), utilizzando frasi minacciose e modi arroganti nei confronti di consumatori “presunti” morosi, Recus Italia sta seminando il terrore tra le famiglie isolane.

Federconsumatori, di concerto con Adoc, Adiconsum e Cittadinanzattiva, nella fase di dialogo che sta da mesi intraprendendo con i vertici di Abbanoa, ha segnalato più volte questi comportamenti, al limite della legalità, che contravvengono agli accordi e ai regolamenti stessi dettati dalla società che gestisce l'erogazione dell'acqua.

Abbanoa, che non gode certo di grande stima da parte dei consumatori, con questi episodi finisce per avere un'immagine ulteriormente danneggiata.

Con questa premessa, Federconsumatori, Adoc e Adiconsum hanno illustrato stamane alla stampa i prossimi passi, qualora Recus Italia non modificasse il suo modus operandi. Si chiederà ad Abbanoa la revoca dell'appalto a Recus Italia per inadempienza contrattuale; si faranno segnalazioni all'Autorità per la privacy, alla Unirec e all'autorità giudiziaria ipotizzando il reato di stalking per la persecuzione a cui sono stati sottoposti i consumatori.

Per fare una domanda agli esperti vai alforum

Per approfondimenti, accedi allesezioni tematiche del blog

28 dicembre 2010 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti selvaggio e vessatorio da parte di recus italia.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • niksap 1 febbraio 2015 at 17:45

    Salve,
    Ho un finanziamento con Agos Ducato SPA. Sono stato contattato da una Dott.sa della Recus Italia, la quale mi indicava di dover pagare un interesse di circa 47,30 euro come mora sul ritardo con i miei pagamenti. Ora, sono venuto a conoscenza chiamando direttamente Agos Ducato SPA che i miei pagamenti sono assolutamente regolari. Fatto sta che questi 47,30 euro li ho già versati con un bonifico, indotto da contatti molesti e minacciosi. Mi piacerebbe sapere quali azioni intraprendere per venire rimborsato delle suddetta somma.
    Cordiali saluti

    • Ludmilla Karadzic 1 febbraio 2015 at 19:28

      Purtroppo, può solo provare a spiegare a Recus Italia ciò che le è stato riferito da Agos Ducato, chiedendo la restituzione di quanto indebitamente versato.

      Tuttavia, se Recus Italia l'ha contattata per esigere la somma, ciò e avvenuto sicuramente su mandato di Agos Ducato. Si tratta quindi, a mio parere, di un errore di Agos Ducato a cui andranno i 47,30 euro. Ed è quindi Agos Ducato che alla fine, è suo debitore.