Recupero crediti e i problemi di un debitore che non può più pagare

Rate non pagate e recupero crediti - sovraindebitamento conclamato

Ormai sono 8 mesi che non pago le rate di Agos 411 euro/mese per prestito di 30 mila euro fatto nel 2008 e Compass 348 euro/mese per prestito di 16 mila fatto nel 2010. Oltre a 3 raccomandate spedite alle 2 società per la riduzione della rata dove tra l’altro spiegavo i motivi comprovando tutte le giustificazioni a mio favore non si sono fatti sentire tranne i recupero crediti al quale ho risposto che ho accettavano la riduzione oppure avanti con il decreto ingiuntivo. Fino ad ora non ho ricevuto alcuna D.B.T.

Premetto che oltre ai 2 finanziamenti continuo a pagare regolarmente seppur con enormi sacrifici lacrime e sangue per la mia famiglia 100 € carta revolving Unicredit; 80 € Neos prestito personale 2500 €; 70 € Compass per prestito auto 2.900€ ; 80€ carta revolving Compass 1500€ circa 400 € mensili.

Capisco che sono soldi buttati che non serviranno a nulla ma li pago proprio per dimostrare eventualmente a qualche giudice comprensivo la mia buona volontà (forse mi sbaglio).

Tutto questo a fronte di uno stipendio da impiegato statale di € 1300 di cui già detratte cessione del V° di € 330 mensili fino al 2019 + delega di € 329 mens. fino al 2019.

A conti fatti adesso mi rimangono circa 900 € al mese da cui pagare condominio, utenze varie, e soprattutto mantenimento familiare 3 figli in età scolastica (superiori, medie ,elementari) mia moglie è casalinga di tanto in tanto trova un lavoretto ad ore si e no raccimola 150/200 al mese.

Non ho proprietà, la casa dove vivo è alloggio popolare.

Ho dovuto sospendere i pagamenti perchè mi rimanevano per campare circa 200 € al mese è stata una scelta obbligata, anche se adesso rimangono tanti sacrifici come ho detto sopra con gli aumenti soprattutto degli alimentari quasi triplicati. Consigliatemi come muovermi per il prossimo futuro? cosa devo aspettarmi ?

Inutile buttare via soldi per pagamenti a pioggia - Il giudice non ha (e non potrebbe) avere il tipo di comprensione in cui lei confida

Penso che lei stia sbagliando, e di grosso: sta buttando via soldi per un senso dell'onore fuori luogo, ed una speranza che andrà puntualmente delusa, quella di vedere riconosciuta da un giudice l'eroica difesa del suo "credit score", portata avanti fino all'estremo sacrificio, fino all'ultimo cent.

Il giudice nemmeno leggerà le sue memorie, posto che le rimarranno soldi per pagare un avvocato che l'assista in sede di opposizione al decreto ingiuntivo.

E che opposizione poi? Il giudice deve vagliare il ricorso del creditore per esaminare che il credito sia certo, liquido ed esigibile. Dopodiché firmerà il decreto.

E quando il suo datore di lavoro sarà chiamato a comparire per la dichiarazione di cui all'articolo 547 codice di procedura civile, il giudice gli chiederà solo se il dipendente ha precedenti cessioni del quinto o pignoramenti per crediti alimentari che già gravano sullo stipendio. Giusto per verificare la capienza.

Nessuno domanderà ai creditori procedenti in base a quali garanzie sono stati concessi prestiti che richiedono, per il debitore, un esborso quasi equivalente allo stipendio percepito.

Cosa potranno mai rispondere? Che nessuno sapeva? Il fatto è che quando le iene fiutano il sangue di un lavoratore dipendente o di un pensionato, non vanno tanto per il sottile.

Eppoi, i creditori originari che le hanno concesso i prestiti neanche ci sono più.

Il loro posto l'hanno preso i saprofiti che comprano una pratica da 30 mila euro per 300. I "cummenda", i nuovi palazzinari, quelli che dopo la crisi del mattone ed i costi lievitati a dismisura per corrompere chi potesse modificare un piano regolatore, si sono buttati nel recupero crediti.

Le famose società di recupero crediti, che ingrassano sulla gente in difficoltà, sfruttando il lavoro di altra povera gente (gli addetti al contact center che la contattano) a 600 mila euro/mese e con due euro di provvigione su una rata estorta di duecento.

Ecco, lei sta sacrificando la sua famiglia per questa gente. Inutilmente poi, per un capriccio. La sua esposizione debitoria non è sostenibile. Se ci fosse il fallimento nel credito al consumo, lei sarebbe stato dichiarato fallito da un pezzo.

Chiuda i rubinetti con tutti gli attuali creditori, nessuno escluso. Se può, chieda una cessione del quinto subito. Magari anche un prestito delega.

Poi attenda con dignitosa rassegnazione che i creditori procedano al pignoramento del quinto del suo stipendio. Se riterranno di farlo (il che è tutto da vedere, visto che le spese da sostenere rispetto al capitale minimo investito sono rilevanti).

Otterrà, comunque, una ristrutturazione forzosa del debito con una rata che le consentirà di vivere, insieme alla sua famiglia, in modo decente. Ed in più, si ritroverà i creditori ad augurarle lunga vita ...

Dia retta a chi le risponde. Si penta!

23 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , ,

consigli e tutela del debitore - domande e risposte, contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte, pignoramento - domande e risposte, recupero crediti - domande e risposte

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti e i problemi di un debitore che non può più pagare. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti e i problemi di un debitore che non può più pagare Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 23 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca