Recupero crediti e violazione della privacy » Via libera al risarcimento danni [Commento 1]

  • anto1940 23 aprile 2014 at 14:09

    chiedo come comportarmi nel caso di violazione della privacy: avvocati di un proprietario di un appartamento che pretende il risarcimento delle mensilità non pagate, comunque coperte da deposito cauzionale già a suo tempo riscosso dal proprietario stesso, sono andati all'ufficio anagrafe per venire a conoscenza del mio nuovo indirizzo che è stato comunicato, dando così possibilità agli stessi avvocati di spiccare su di me il decreto ingiuntivo. Può un ufficiale di anagrafe comunicare a chicchessia il mio nuovo indirizzo? Non deve esserci la richiesta di un giudice? Cosa posso fare nei confronti di quello studio legale anche se ora pende sul mio capo il suddetto decreto? Grazie per la risposta

    • Ludmilla Karadzic 23 aprile 2014 at 16:10

      Spiace deluderla, ma l'avvocato può richiedere un certificato di residenza quando è necessario per l'attività giudiziaria svolta nell'ambito del mandato conferitogli. La stessa notifica al presunto debitore della richiesta di un decreto ingiuntivo, ad esempio, richiede l'accertamento del luogo di residenza corrente della controparte. Se le norme sulla privacy impedissero l'acquisizione di tali informazioni, nessuna notifica di atti giudiziari, a tutela del destinatario, potrebbe essere perfezionata come la legge prescrive.

Torna all'articolo