Gli strumenti a disposizione dell'ex coniuge quando l'altro non versa l'assegno di mantenimento

Vediamo quali sono g sono diversi strumenti a tutela dell'ex coniuge quando l'altro non versa l'assegno, lo versa solo in parte o è sempre in ritardo.

Vi sono diversi strumenti a disposizione del coniuge beneficiario per recuperare le somme da versare nell'assegno di mantenimento.

La più comune è la diffida dell'Avvocato per ottenere il pagamento: in pratica, si tratta di inviare una raccomandata con la quale si invita la parte inadempiente al pagamento.

Nella lettera si può mettere in mora l'obbligato ossia assegnargli un termine entro cui dovrà provvedere al versamento delle somme dovute con l'avvertimento che in mancanza si procederà nei suoi confronti nelle opportune sedi giudiziarie.

Se ciò non basta si passa, di solito, alle azioni giudiziarie.

Infatti, wuando anche l'invio della lettera è inutile e non si ottiene il pagamento dopo il termine assegnato é possibile procedere giudizialmente:

Occorre ricordare che il mancato pagamento, come pure simulare uno stato di povertà, spogliarsi di tutti i beni, simulare vendite fittizie, il porre in essere atti fraudolenti finalizzati a non pagare il debito verso l'ex coniuge, sono tutti un comportamento penalmente rilevanti e puniti dalla legge.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli strumenti a disposizione dell'ex coniuge quando l'altro non versa l'assegno di mantenimento.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.