Cessione pro soluto dei crediti - Sviluppo dell'operazione

I contratti di leasing da cedere pro-soluto saranno selezionati tra quelli che hanno canoni morosi e che sono stati oggetto di intervento da parte di un service abilitato, il quale ha certificato l'inesigibilità mediante una relazione negativa. Individuati in tal modo i contratti, occorrerà

aggiornare gli elementi di giudizio in nostro possesso (generalmente riferiti a vecchia data in quanto il rapporto fiduciario assistito con il leasing non è soggetto a revisione annuale) per

escludere la convenienza ad attivare le azioni di recupero in via giudiziale.

A tal fine è opportuno:

  • o esaminare la CERVED per accertare l'esistenza di protesti e pregiudizievoli a carico dei prenditori e valutarne, quindi, la solvibilità; oppure per verificare l'andamento economico finanziario, nonché la struttura patrimoniale, e quindi il capitale a presidio del nostro rischio, nel caso di società di capitali;
  • accertare l'esistenza ed il valore di garanzie accessorie a presidio del rischio (fideiussioni, garanzie reali o rilasciate da Enti in base a convenzioni);
  • chiedere le visure ipotecarie sul prenditore e su eventuali garanti, per prendere cognizione di eventuali beni immobili e gravami;
  • esaminare i dati di ritorno Bankit relativi sia al prenditore che ai garanti, per accertarel'entità dei debiti verso il sistema bancario, nonché l'esistenza di eventuali segnalazioni a sofferenza e di sconfinamenti sui rischi a revoca ed a scadenza, comprese le operazioni a medio e lungo termine. Per quanto concerne i garanti, oltre ai debiti verso banche contratti a titolo personale, sarà utile accertare l'entità delle garanzie rilasciate a favore del sistema (sia singolarmente che congiuntamente ad altri);
  • inquadrare il credito complessivo del "gruppo bancario" verso il prenditore, allo scopo di condividere le iniziative più idonee sotto il profilo amministrativo;
  • chiedere una perizia di stima del cespite, per prendere cognizione: della situazione del mercato e delle possibilità di ricollocamento; del valore di stima; della convenienza del recupero, delle difficoltà e dei costi di asporto;
  • accertare i dubbi esiti già eseguiti sia sul credito esplicito (canoni scaduti) sia sul credito implicito (canoni a scadere).

Dopo aver individuato i contratti inesigibili da cedere pro-soluto e scelto le società controparti, occorrerà:

o sottoporre l'operazione di cessione pro-soluto all'autorizzazione dell'Organo competente della Banca (assemblea dei soci o CdA);

  • far eseguire la Due diligence, per attestare l'inesigibilità dei crediti ed accertare il prezzo orientativo della cessione;
  • definire gli accordi con la società cessionaria, compreso il prezzo della cessione, e predisporre la documentazione contrattuale relativa all'operazione di cessione pro-soluto, che deve avvenire per atto scritto, mediante contratto registrato oppure attraverso scambio di corrispondenza, rispettando due elementi:
    • data certa;
    • importo certo.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cessione pro soluto dei crediti - sviluppo dell'operazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.