Cessione pro soluto dei crediti - Cautele da adottare nella scelta delle controparti

L'incarico per la esecuzione della Due diligence, finalizzata ad eseguire una analisi sulla recuperabilità delle partite da cedere e ad attribuire alle stesse un prezzo indicativo di cessione, sarà dato ad un soggetto:

  • giuridicamente e professionalmente abilitato (per esempio, una società di recupero o direvisione iscritta all'Albo), che abbia le necessarie licenze ed abilitazioni professionali;
  • che svolga tale attività realmente, ovvero che sia operativo per tutto l'anno.

Per quanto riguarda la controparte cessionaria, la società dovrà:

  • avere la forma di società di capitali, con capitale sociale pari ad almeno 500.000 €;
  • essere iscritta all'U.I.C. e svolgere l'attività finanziaria in via esclusiva;
  • operare professionalmente nell'ambito del recupero dei crediti, ovvero essere in grado, per struttura organizzativa e capacità, di ottenere remunerative percentuali di recupero.

Per porre in atto un'operazione di cessione pro-soluto ineccepibile occorrerà anche:

  • accertare che il soggetto che ha certificato l'inesigibilità del credito non abbia alcun rapporto organico (partecipazioni, appartenenza o altro) con la società cessionaria;
  • consegnare al cessionario la documentazione relativa ai crediti ceduti, necessaria per attivare le azioni di recupero.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cessione pro soluto dei crediti - cautele da adottare nella scelta delle controparti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.