L'azione progressiva nel recupero crediti - un elemento fondamentale

1) Il recupero interno - Le chiamate telefoniche: due al massimo, ad otto giorni d'intervallo. La visita di un rappresentante commerciale quindici giorni dopo la scadenza di pagamento: basta una sola visita per evitare di perdere credibilità. Le lettere di sollecito: due al massimo; la prima, semplice, sarà inviata una settimana dopo la visita del rappresentante, l'altra, raccomandata con ingiunzione di pagamento, entro quarantotto ore, pena l'avvio della procedura di recupero del credito..

2) Il recupero amichevole - È il metodo più rapido e più semplice. Infatti, se l'insoluto è affidato ad un organismo di recupero crediti serio e competente, la pratica è trattata immediatamente. Inoltre, senza contratto, né abbonamento, né oneri di gestione, la motivazione dell'organismo di recupero è costante, poiché in realtà il compenso è versato solo in caso di successo. Al termine di uno studio di solvibilità del debitore, è possibile valutare le chance di recupero del credito, affinché, in caso di procedura giudiziaria, l'esito possa dar luogo al pagamento dell'insoluto; infatti, il creditore non vuole solo una sentenza, che generalmente otterrà in suo favore, bensì il recupero del denaro che gli spetta. Se nel corso dell'esecuzione di una sentenza, il debitore si rivela insolvibile, la procedura non raggiungerà affatto lo scopo voluto.

3) La procedura giudiziaria - Per tali motivi, una procedura lunga e costosa deve essere intrapresa con cognizione di causa e come ricorso estremo. Come indicato, l'unico scopo di tale procedura è il recupero del credito. Pertanto, ha senso adire le vie legali solo se le opportunità di recupero dell'insoluto sono reali.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca