L'azione progressiva nel recupero crediti - un elemento fondamentale

1) Il recupero interno - Le chiamate telefoniche: due al massimo, ad otto giorni d'intervallo. La visita di un rappresentante commerciale quindici giorni dopo la scadenza di pagamento: basta una sola visita per evitare di perdere credibilità. Le lettere di sollecito: due al massimo; la prima, semplice, sarà inviata una settimana dopo la visita del rappresentante, l'altra, raccomandata con ingiunzione di pagamento, entro quarantotto ore, pena l'avvio della procedura di recupero del credito..

2) Il recupero amichevole - È il metodo più rapido e più semplice. Infatti, se l'insoluto è affidato ad un organismo di recupero crediti serio e competente, la pratica è trattata immediatamente. Inoltre, senza contratto, né abbonamento, né oneri di gestione, la motivazione dell'organismo di recupero è costante, poiché in realtà il compenso è versato solo in caso di successo. Al termine di uno studio di solvibilità del debitore, è possibile valutare le chance di recupero del credito, affinché, in caso di procedura giudiziaria, l'esito possa dar luogo al pagamento dell'insoluto; infatti, il creditore non vuole solo una sentenza, che generalmente otterrà in suo favore, bensì il recupero del denaro che gli spetta. Se nel corso dell'esecuzione di una sentenza, il debitore si rivela insolvibile, la procedura non raggiungerà affatto lo scopo voluto.

3) La procedura giudiziaria - Per tali motivi, una procedura lunga e costosa deve essere intrapresa con cognizione di causa e come ricorso estremo. Come indicato, l'unico scopo di tale procedura è il recupero del credito. Pertanto, ha senso adire le vie legali solo se le opportunità di recupero dell'insoluto sono reali.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'azione progressiva nel recupero crediti - un elemento fondamentale.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • karalis 16 luglio 2008 at 10:54

    è possibile estinguere un credito al consumo con la restituzione del bene acquistato?

    Assolutamente no!!

    Le finanziarie sono ben attente a queste cose.

    Il contratto di credito al consumo che tu firmi è completamente svincolato dal particolare bene che acquisti. Non c'è alcuna relazione fra contratto e bene acquistato.

    Il finanziamento viene erogato sempre per l'acquisto di un bene di consumo in generale. Anche se, come spesso accade, il post office della finanziaria è situato nei locali dell'esercizio commerciale e la possibilità di finanziamento è limitata ad alcuni articoli (o al limite, ad un solo prodotto).

    Eventuali difetti del bene acquistato vanno regolati con la garanzia o con la sostituzione del prodotto.

    In ogni caso l'eventuale contenzioso coinvolge esclusivamente il consumatore ed il negozio di vendita, e/o la casa produttrice del bene.

    L'errore in cui cadono sovente i consumatori, quando acquistano - tramite finanziaria - beni che non rispondono ai requisiti pubblicizzati o che risultano comunque difettosi, è proprio quello di sospendere il pagamento delle rate del finanziamento.

    Un errore che poi si paga salato: con interessi di mora, penali per inottemperanza contrattuale, persecuzione da parte di società di recupero crediti ecc...

    Per fare una analogia banale, ma che rende bene la questione, è come se tu prestassi soldi ad un amico perchè questi vuole recarsi in un ristorante per una cena. E poi l'amico ti negasse la restituzione dei soldi prestati adducendo come motivazione l'aver mangiato malissimo in quel ristorante.

1 2 3 4