Il creditore tenta sempre di ottenere un pagamento anche parziale del credito prima di intraprendere costose azioni legali

Prima di intraprendere la via giudiziaria, banche e finanziarie che concedono prestiti, tentano di ottenere un pagamento anche parziale del credito. Il secondo passo è intentare una causa contro il debitore ed attendere che le vie legali facciano il proprio corso per arrivare all'ingiunzione del pagamento delle rate del prestito.

La fase di recupero crediti è chiamata anche fase stragiudiziale e, pur abbreviando i tempi di recupero, prevede l'assenso del debitore. Si prova prima con lettere e telefonate a capire il perché del mancato o rifiutato pagamento.

Poi la banca vende il suo credito ad una società incaricata del recupero delle somme non pagate. E questa cercherà di mettersi d'accordo con il debitore per il pagamento del debito prima in forma epistolare e poi con solleciti telefonici per tentare di capire e risolvere eventuali contestazioni.

Se non andasse a buon fine si passa all'invio dei propri agenti di recupero crediti direttamente a casa del debitore, sia per cercare di chiarire gli eventuali malintesi, sia per capire quali effettivamente siano i motivi per cui non si paga il proprio debito.

Se questa serie di tentativi risulta infruttuosa c'è la cosiddetta “messa in mora”: mediante una lettera raccomandata con avviso di ritorno si invita il debitore a saldare il debito contratto attraverso il prestito, avvisando che il mancato pagamento entro un certo lasso di tempo provocherà il possibile avviamento di un'azione legale con l'ulteriore addebito delle spese legali.

A questo punto il debitore potrà decidere se pagare oppure no. Se la fase stragiudiziale non avrà i suoi frutti la società di recupero crediti avvierà una serie di controlli per valutare la possibilità di avviare o meno un'azione legale nei confronti del debitore.

La fase della valutazione è perciò un momento cruciale per la società di credito perché si può rifare sui beni pignorabili, tra cui la casa di proprietà. Se l'azione viene intrapresa inizia la fase giudiziale con cui la società di recupero crediti cercherà di ottenere un titolo esecutivo per avviare l'esecuzione forzata sui beni del debitore (pignoramento di beni).

Per fare una domanda sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati all'articolo, clicca qui.

18 gennaio 2009 · Paolo Rastelli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il creditore tenta sempre di ottenere un pagamento anche parziale del credito prima di intraprendere costose azioni legali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • vincenzo 1 aprile 2011 at 15:46

    Dal momento che oggi 1.4.2011 mi è arrivata una lettera stragiudiziale per un recupero di € 113,66 , quanto tempo ho per poter pagare e quale potrebbe essere la fase successiva.Grazie.-

    • cocco bill 1 aprile 2011 at 16:53

      Ciao Vincenzo. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "debiti e sovraindebitamento" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 7 8 9