Recupero crediti e comunicazioni al debitore con posta prioritaria

Si è presentato un esattore di un recupero crediti a cercare mio padre

Questa mattina e' arrivato un esattore di tal societa' di recupero crediti (SIRFIN) a casa dei miei genitori non rilasciando nessun foglio ne biglietto da visita dicendo che era venuto per parlare con mio padre il quale non era in casa.

Chiamo la ditta (fabbrica di guanti) che vanta il credito dal 2008 e chiedo gentilmente di parlare con il titolare ma lui glissa e dice che non gliene frega nulla e di contattare il recupero credito. I miei genitori non hanno ricevuto nessun atto, ne raccomandata inviata dalla società creditrice .

Parlando al telefono con la persona che si e' presentata a casa (dopo aver telefonato al recupero crediti) afferma che non sono più obbligatori gli avvisi tramite raccomandata, basta una semplice prioritaria (a me sembra una follia).

Siccome il credito che hanno da recuperare e' di circa 760 euro ho chiesto se fosse possibile rateizzarlo visto che mia madre non lavora, mio padre e' in pensione e prende 470 euro al mese quindi non proprio un mucchio di soldi.

Il demente "scusate ma e' la parola piu' dolce da dire" con cui ho parlato (maleducato a manetta) ha risposto che in via eccezionale possono fare come pagamento: - 200 euro in contanti - 200 euro con assegno postdatato a 30 gg - 360 a saldo con assegno postdatato a 60 gg.

Ma e' legale questa procedura? e che ne so io che questo prende i 200 euro e poi non me li chieda ancora?

Come mi devo comportare? Lui dice che se non paghiamo va avanti la procedura per via legale, cosa succede dopo? Io vorrei pagare un tot al mese (max 100 euro) posso inviare una proposta a loro?

Non siamo truffatori, la fattura non era stata pagata in quanto ci era stata consegnata la merce in ritardo di 20 gg e abbiamo perso la vendita e il cliente (essendo dei prodotti personalizzati per il suddetto). Che poi abbiamo sbagliato a non pagarla quello e' sicuro.

Chiedendo al recupero crediti mi hanno detto che: la fattura era di 333,41 euro poi ci sono 131,12 euro di mora + 110,19 oneri di recupero + 9,81 di spese + 25,20 euro per l'iva. Inoltre visto che si e' presentato anche l'esattore ci sono 125 euro di spese + 26,25 euro di Iva.

P.S. aggiornamento : stasera chiama mia madre (non abito con loro) e mi dice che ha trovato una lettera (non raccomandata) nella posta e questo e' quello che c'e' su (ho cancellato solo i nomi e CF. per privacy) ho allegato la foto.

Prima di pagare bisogna sapere a che titolo la società di recupero crediti interviene

Mai pagare agli esattori, più che mai con assegni postdatati: non consentire visite domiciliari agli esattori perché se diventano frequenti, a 125 euro ciascuna, si finisce per stracci.

Prima di pagare bisogna sapere a che titolo la società di recupero crediti interviene; e dunque è necessario prendere visione almeno della lettera di cessione o di affidamento del mandato a riscuotere.

Inoltre, le spese estorsive devono essere messe nero su bianco, non solo recitate a telefono.

Si interagisce con il creditore solo via raccomandata AR.

Conoscere i propri diritti è fondamentale per arginare i comportamenti da Far West messi in atti da questi sedicenti "operatori del recupero crediti".

Ed allora le suggerisco una proficua lettura delle nostre sezioni informative, in particolare questa.

9 ottobre 2012 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti e comunicazioni al debitore con posta prioritaria. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti e comunicazioni al debitore con posta prioritaria Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 9 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 13 dicembre 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte Numero di commenti e domande: 2

Contenuti suggeriti da Google

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti