Il credito il cui diritto alla riscossione si è prescritto è sempre deducibile fiscalmente dal reddito di impresa

Senza subire franchigie, sbarramenti e inversioni probatorie.

Ci ha pensato il Decreto Legge 83/2012 recentemente convertito dalla legge 07.08.2012 numero 134.

La nuova norma dovrebbe entrare in vigore con effetto dalle perdite di questo tipo che si sono verificate dal 26 Agosto 2012 in poi, quindi nel caso di prescrizioni maturate in futuro, ma potrebbe avere valenza anche per le prescrizioni maturate prima del 26.08.2012, purchè le perdite vengano dedotte nel periodo di imposta in corso alla data stessa.

In effetti la norma non è del tutto innovativa, dato che la prescrizione del credito era già un elemento certo e preciso anche in precedenza, e quindi tale da consentire la deduzione della perdita; la portata della legge pesa maggiormente (a parere mio) sul piano interpretativo. Quindi - se così stanno le cose - non ci sono ragioni per non dedurre anche perdite su crediti generate da prescrizioni maturate ante 26.08.2012.

Tuttavia, se si è avvertita la necessità di intervenire con una precisa disposizione in materia di prescrizione del credito la ragione potrebbe anche essere (ironia della sorte) per negare la deduzione della perdita da credito prescritto in precedenza, nel caso in cui la prescrizione sia intervenuta per comportamento eccessivamente passivo del creditore, come nel caso dei crediti di modesto importo prescritti per essersi dimenticati di richiederne il pagamento in tempo utile.

Non dovrebbe essere questo il caso, ma dubitare è lecito.

Per fare una domanda sulla deducibilità delle perdite per crediti inesigibili, sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

15 agosto 2013 · Paolo Rastelli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il credito il cui diritto alla riscossione si è prescritto è sempre deducibile fiscalmente dal reddito di impresa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • efisio longarini 22 settembre 2009 at 06:22

    Certezza e precisione governano la deducibilita` delle perdite su crediti

    E` tempo di compilare i primi bilanci d'esercizio per valutare se sia necessario adottare dei correttivi.

    L'azione diventa tanto piu` importante nei periodi di congiuntura economica negativa, quando ci si aspetta un sensibile peggioramento dei rendiconti annuali, per cui puo` essere fondamentale stimare in anticipo il risultato atteso per fine anno e il relativo carico fiscale, in modo da programmare gli investimenti da effettuare o decidere di beneficiare di alcune agevolazioni fiscali.

    In questo contesto, assumono particolare rilevanza, proprio ai fini della determinazione della base imponibile, le regole operative di deducibilita` delle perdite su crediti.

    La norma che regola la deducibilita` delle perdite su crediti e` l'articolo 101, comma 5, del Tuir, che prevede la deducibilita` delle perdite su crediti se risultano da elementi certi e precisi. La certezza e la precisione si riferiscono agli elementi e non all'entita` della perdita, che potra` essere stimata e in alcuni casi anche reversibile.

    La certezza deve derivare dalla corrispondenza tra le parti e dalla procedura di recupero crediti da esse avviata. Unica eccezione ai detti requisiti e` ammessa nel caso di procedure concorsuali e nelle ipotesi di crediti di esiguo valore.

    Al di la` di questi casi, il periodo di competenza della deduzione della perdita su crediti e` quello in cui si acquisisce la certezza dell'irrecuperabilita`, senza discrezione. La perdita da portare in deduzione e` l'importo eccedente il fondo svalutazione crediti fiscale. Fino a concorrenza del fondo accantonato, la perdita va stornata portando in diminuzione il fondo stesso.

    L'agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 16/2009, rilascia altri chiarimenti in materia di deducibilita` delle perdite su crediti, confermando la rigida posizione assunta riguardo l'applicazione dell'articolo 101, comma 5, del Tuir.

    Si chiarisce che una situazione di temporanea illiquidita` - sebbene seguita da un pignoramento infruttuoso - non puo` essere ritenuta sufficiente a legittimare la deduzione del credito non incassato in tutto o in parte, richiedendosi, a tal fine, una piu` complessa e articolata valutazione della situazione giuridica della specifica partita creditoria e del singolo debitore, cui quest’ultima e` riferita.

    Per i crediti commerciali di modesto valore, l'Amministrazione finanziaria ammette che la deduzione della relativa perdita nel periodo in cui essa si verifica puo` prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali, nella considerazione che la lieve entita` dei crediti puo` consigliare le aziende a non intraprendere azioni di recupero che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri.

    Va osservato che un credito e` da considerare di importo modesto in relazione all'entita` del portafoglio dell'impresa.

1 2