Perdite su crediti - deducibilità solo con elementi certi e precisi

L’art. 101, co. 5, del TUIR prevede che “le perdite su crediti sono deducibili se risultano da elementi certi e precisi e in ogni caso, per le perdite su crediti, se il debitore è assoggettato a procedure concorsuali”.

La richiamata norma fiscale subordina, quindi, la deducibilità delle perdite su crediti a rigide prescrizioni, prevedendo che le stesse rilevino fiscalmente solo se risultano da “elementi certi e precisi”,  fatta eccezione per i casi di assoggettamento del debitore a procedure concorsuali, all’avvio delle quali le condizioni di deducibilità devono intendersi “automaticamente” riconosciute.

L’Agenzia delle Entrate, con risoluzione 23/01/2009, n. 16/E, precisa che una situazione di temporanea illiquidità – ancorché seguita da un pignoramento infruttuoso – non possa essere ritenuta sufficiente a legittimare la deduzione del credito non incassato in tutto o in parte, richiedendosi, a tal fine, una più complessa e articolata valutazione della situazione giuridica della specifica partita creditoria e del singolo debitore cui quest’ultima è riferita.

Di seguito il testo della citata risoluzione.

Oggetto: Interpello – Deducibilità perdite su crediti – Articolo 101 del TUIR

La società ALFA S.r.l. ha formulato un’istanza di interpello ai sensi dell’articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, relativa alla deducibilità delle perdite su crediti.

Quesito  La società ALFA S.r.l. (di seguito, in breve, “Società”) vanta un credito di circa euro 1.000.000 nei confronti delle Aziende Sanitarie Locali (ASL) di X (facenti capo alla Regione Y).  Le predette ASL – a causa delle “note difficoltà economiche” in cui versano – non sono in condizioni di “onorare il loro debito e la loro natura di enti pubblici economici le mette al riparo da eventuali richieste di fallimento”.

Inoltre, la Regione Y, al fine di salvaguardarne il patrimonio :

  • ha creato “una comunione di beni immobili fra tutte le ASL di X spogliandole della proprietà diretta ed assegnando a ciascuna una quota di partecipazione”;
  • ha fatto “confluire tutti i beni immobili in un Fondo comune di investimento di tipo chiuso…rendendo tali beni non ipotecabili ed impignorabili ed escludendo di fatto ai creditori ogni forma di soddisfazione coattiva”.

A tal proposito, la Società evidenzia che nei confronti del proprio “debitore più importante” il competente tribunale ha emesso un decreto ingiuntivo cui ha fatto seguito un atto di precetto ed il conseguente pignoramento presso terzi, effettuato presso la banca facente funzioni di tesoriere del predetto debitore: tale pignoramento è, tuttavia, rimasto infruttuoso.

Tanto premesso, la Società chiede di valutare la possibilità di considerare deducibile ai fini della determinazione del reddito d’impresa la perdita del credito vantato nei confronti del menzionato debitore.

Soluzione prospettata dal contribuente  La Società ritiene di poter dedurre la perdita su crediti dal reddito d’impresa alla luce dell’infruttuoso esito del pignoramento presso terzi ed in considerazione della “oggettiva impossibilità di agire sui beni immobili del creditore (debitore, ndr.) in quanto costituiti in un Fondo comune di investimento chiuso e quindi impignorabili ex-lege”, tenuto altresì conto della “non fallibilità del creditore (debitore, ndr) in quanto ente pubblico economico”.

Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Perdite su crediti - deducibilità solo con elementi certi e precisi Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il 15 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il 6 luglio 2014 Classificato nelle categorie recupero crediti informazioni Etichettato con tag , , , , Archiviato nella sezione conseguenze dei debiti » recupero crediti » attività di recupero crediti Letture 1.142 Numero di commenti e domande: 2 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda.

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

    Connect with:
  • efisio longarini 22 settembre 2009 at 06:22

    Certezza e precisione governano la deducibilita` delle perdite su crediti

    E` tempo di compilare i primi bilanci d’esercizio per valutare se sia necessario adottare dei correttivi.

    L’azione diventa tanto piu` importante nei periodi di congiuntura economica negativa, quando ci si aspetta un sensibile peggioramento dei rendiconti annuali, per cui puo` essere fondamentale stimare in anticipo il risultato atteso per fine anno e il relativo carico fiscale, in modo da programmare gli investimenti da effettuare o decidere di beneficiare di alcune agevolazioni fiscali.

    In questo contesto, assumono particolare rilevanza, proprio ai fini della determinazione della base imponibile, le regole operative di deducibilita` delle perdite su crediti.

    La norma che regola la deducibilita` delle perdite su crediti e` l’articolo 101, comma 5, del Tuir, che prevede la deducibilita` delle perdite su crediti se risultano da elementi certi e precisi. La certezza e la precisione si riferiscono agli elementi e non all’entita` della perdita, che potra` essere stimata e in alcuni casi anche reversibile.

    La certezza deve derivare dalla corrispondenza tra le parti e dalla procedura di recupero crediti da esse avviata. Unica eccezione ai detti requisiti e` ammessa nel caso di procedure concorsuali e nelle ipotesi di crediti di esiguo valore.

    Al di la` di questi casi, il periodo di competenza della deduzione della perdita su crediti e` quello in cui si acquisisce la certezza dell’irrecuperabilita`, senza discrezione. La perdita da portare in deduzione e` l’importo eccedente il fondo svalutazione crediti fiscale. Fino a concorrenza del fondo accantonato, la perdita va stornata portando in diminuzione il fondo stesso.

    L’agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 16/2009, rilascia altri chiarimenti in materia di deducibilita` delle perdite su crediti, confermando la rigida posizione assunta riguardo l’applicazione dell’articolo 101, comma 5, del Tuir.

    Si chiarisce che una situazione di temporanea illiquidita` – sebbene seguita da un pignoramento infruttuoso – non puo` essere ritenuta sufficiente a legittimare la deduzione del credito non incassato in tutto o in parte, richiedendosi, a tal fine, una piu` complessa e articolata valutazione della situazione giuridica della specifica partita creditoria e del singolo debitore, cui quest’ultima e` riferita.

    Per i crediti commerciali di modesto valore, l’Amministrazione finanziaria ammette che la deduzione della relativa perdita nel periodo in cui essa si verifica puo` prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali, nella considerazione che la lieve entita` dei crediti puo` consigliare le aziende a non intraprendere azioni di recupero che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri.

    Va osservato che un credito e` da considerare di importo modesto in relazione all’entita` del portafoglio dell’impresa.

1 2