Recupero crediti - il codice deontologico degli agenti esattoriali UNIREC [Commento 2]

  • karalis 21 settembre 2008 at 12:16

    salve Karalis,
    io sto per diventare tuo collega, sto per firmare un contratto come recuperatore per una società iscritta a Unirec. Vengo da un altro settore, è la prima volta che mi interesso di crediti, che io personalmente non ho mai fatto. Onestamente sono teso e preoccupato che la mia società si riveli più avanti meno seria e professionale di come si è presentata finora, consigliandomi od obbligandomi a pratiche aggressive, poco rispettose (per usare un eufemismo). Io non sono quel tipo di persona e sono sicuro che entrerei in crisi, diviso tra il dubbio “mi dimetto” e ” continuo perchè mi servono soldi”. Hai un consiglio per me ? grazie. un nuovo ma assiduo frequentatore di questo blog.

    Commento di Popinni | Sabato, 20 Settembre 2008

    Innanzi tutto auguri per il tuo nuovo lavoro!
    Capisco benissimo la tua preoccupazione. Posso assicurarti che già il fatto che la società sia iscritta all'Unirec è sinonimo di serietà e competenza.
    Voglio darti qualche dritta……

    Innanzitutto il lavoro del recuperatore si basa, oltre che sullo studio della pratica, sulla comunicazione persuasiva.

    Ci sono dei punti che devi tenere presente:
    1) accertarsi che il debitore abbia consapevolezza del problema e lo riconosca come suo(nel caso non lo riconoscesse come suo sta a te fargli cambiare idea);
    2) evidenziare i danni che gli possono derivare se non provvede prontamente(eventuali azioni legali ecc…);
    3) proporre soluzioni per eliminare immediatamente il problema, conducendo il debitore sulla via della decisione;
    4) risolvere eventuali dubbi e convincere il debitore all'azione senza ulteriori rinvii;

    Non dimenticare mai che la cortesia e la simpatia fanno cambiare idea alle persone più facilmente di un atteggiamento intransigente e rabbioso;
    Nei miei rapporti con i debitori mi sono sempre astenuta da qualsiasi tipo di giudizio, il mio atteggiamento è stato sempre quello del tipo”sono qui per risolvere i tuoi problemi” .
    Non mi sono mai presentata spacciandomi per avvocato (errore che commettono molti recuperatori), ti assicuro che la pratica a quel punto è bruciata al 99%;

    la tua è esazione domiciliare o phone collection?
    Spero di rileggerti presto, magari potresti descriverci la tua nuova esperienza….

    P.S mi piacerebbe aprire una sezione dedicata alle esperienze di noi recuperatori, colleghi che ne pensate?

1 2 3 4 6

Torna all'articolo