Motivi di inammissibilità del reclamo e della mediazione tributaria

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Quali sono i motivi di inammissibilità del reclamo e della mediazione tributaria.

Gli unici motivi per cui l'istanza di mediazione e reclamo può essere rigettata dall'ufficio per inammissibilità sono:

  • invio oltre i termini;
  • carenza dei requisiti che impedisce di attribuire l'istanza al contribuente (per esempio mancanza di dati, mancanza di sottoscrizione) o che impedisce di individuare l'oggetto (mancanza di informazioni sull'atto contestato o sul tributo).

In certi casi le mancanze possono essere sanate nella fase di costituzione in giudizio.

La mancanza di una proposta di mediazione elaborata dal contribuente non è invece motivo di inammissibilità'. Essa è, infatti, facoltativa.

Ovviamente ci sono anche i casi in cui l'istanza è improponibile, ovvero tutti quei casi in cui l'atto non rientra tra quelli per i quali è obbligatorio presentare il reclamo, dettagliati nei paragrafi precedenti. In questi casi l'opposizione deve avvenire direttamente tramite ricorso in commissione tributaria, previo eventuale tentativo in autotutela.

7 gennaio 2015 · Paolo Rastelli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.