I dati soggettivi per il calcolo del premio rc auto

Successivamente, vanno considerati i dati soggettivi riferiti, ovvero, alla persona:

  • Età dell'assicurato È provato che i giovani provocano più incidenti; di solito le imprese pongono un limite tariffario di 24 - 25 anni al di sotto del quale applicano soprapremi.
  • Sesso dell'assicurato:Anche se è statisticamente provato che le donne giovani provocano meno incidenti dei coetanei maschi, la Corte di Giustizia Europea ha vietato differenziazioni di “genere” dal 21 dicembre 2012 (sentenza 1° marzo 2011). Anche per l'assicurazione r. c. auto perciò le imprese possono offrire solo una tariffa “unisex”.
  • Anzianità di patente: I neopatentati provocano più incidenti, questo parametro potrebbe sovrapporsi a quello dell'età per cui è necessario valutare l'effetto combinato delle due variabili. Le persone coniugate e con figli piccoli provocano meno incidenti.
  • Modalità di utilizzo dell'auto:Chi usa l'auto per lavoro ha maggior probabilità di avere incidenti rispetto a chi la usa soltanto per diporto; questa informazione può essere convenientemente collegata alla professione.
  • Identificazione del conducente unico o abituale: quando il conducente dichiarato ha caratteristiche di rischio favorevoli si applica una riduzione del premio che tiene conto anche della limitata circolazione del veicolo sempre condotto da una stessa e sola persona.
  • Il Bonus/Malus: Il Bonus/Malus (o sistemi similari: Pejus, No claims discount, ecc.) rappresenta una forma di personalizzazione “a posteriori” del rischio, in relazione all'assenza di sinistri (bonus) o agli eventuali sinistri (malus) in cui è rimasto coinvolto l'assicurato nel “periodo di osservazione” stabilito nel contratto. La clausola Bonus/Malus, come variabile tariffaria, produce i suoi effetti sul premio in combinazione con gli altri parametri utilizzati nella costruzione della tariffa aziendale.

Veniamo ora agli oneri fiscali e parafiscali che determinano il premio rc auto.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca