Come si rinnova un contratto rc auto

Il decreto legge 179 del 18 ottobre 2012 convertito nella Legge 221 del 17 dicembre 2012 ha abolito per i contratti rc auto la clausola di tacito rinnovo: dal 1 gennaio 2013, pertanto, i contratti rc auto esauriscono i loro effetti alla scadenza annuale.

L'impresa deve, tuttavia, garantire le coperture almeno per i successivi 15 giorni (conservazione per legge del "periodo di tolleranza"). L'impresa, in ogni caso, è tenuta ad avvisare il contraente della scadenza del contratto con preavviso di almeno 30 giorni.

Nei contratti con clausola di rinnovo tacito in corso di validità alla data del 1 gennaio 2013, le imprese hanno l'obbligo di comunicare per iscritto ai contraenti la perdita di efficacia delle stesse clausole di rinnovo.

Per la stipula di un nuovo contratto sarà quindi necessaria una nuova manifestazione di volontà, presso la stessa o una diversa impresa assicurativa. Presta attenzione alle garanzie accessorie alla rc auto, quali le garanzie incendio, furto, atti vandalici, tutela giudiziaria, assistenza, ecc., che sono oggetto di tariffazione e tassazione separate dalla rc auto, anche se solitamente prestate insieme ad essa.

Per tali garanzie, pur se sottoscritte in abbinamento con la polizza rc auto, non opera il divieto di tacito rinnovo: occorre quindi controllare l'eventuale presenza di detta clausola e, nel caso tu voglia stipulare un nuovo contratto con un'altra compagnia, dovrai ricordarti di dare la disdetta delle coperture accessorie nei termini e secondo le modalità previste dal contratto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come si rinnova un contratto rc auto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.