Nuovo ravvedimento operoso - le precisazioni dell'ade

Ravvedimento operoso - tributi a cui può essere applicato

La legge di stabilità per il 2015 ha profondamente innovato la disciplina del ravvedimento operoso, determinando un radicale cambiamento dell’assetto originario dell’istituto.

Infatti, oggi, il ravvedimento operoso può essere utilizzato per regolarizzare le violazioni commesse in materia di tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate, fino alla scadenza dei termini di accertamento. Ciò, a prescindere dalla circostanza che la violazione sia già stata constatata o che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento, delle quali i soggetti interessati abbiano avuto formale conoscenza.

Inoltre, così come chiarito nella circolare numero 23/E dell'ADE, anche l’IRAP e le addizionali regionali e comunali all’IRPEF sono da considerarsi dei tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate, e, come tali, le relative violazioni, ai fini del nuovo ravvedimento, possono essere regolarizzate fino alla scadenza dei termini di accertamento a prescindere dalla circostanza che siano già state constatate o che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento.

Resta esclusa dalla possibilità di ravvedimento operoso della violazione, la circostanza che al contribuente sia stato notificato formalmente un atto di liquidazione o una comunicazione di irregolarità.

Ravvedimento operoso - entità della riduzione delle sanzioni

Va ricordato, con l'occasione, che le nuove disposizioni sul ravvedimento operoso, in vigore dal gennaio 2015, introducono diverse e più incisive misure di riduzione della sanzione; con l’obiettivo di garantire un maggiore beneficio per il contribuente che si attivi tempestivamente per porre rimedio alla violazione oggetto di regolarizzazione.

Più precisamente, è prevista la riduzione delle sanzioni a:

La riduzione ad un quinto del minimo della sanzione per la regolarizzazione degli errori e delle omissioni di norme contenute nelle leggi finanziarie, trova applicazione anche con riferimento a tributi diversi da quelli amministrati dall'Agenzia delle entrate.

Ravvedimento operoso - campo di applicazione della riduzione ad un nono delle sanzioni

Più in particolare, nella Circolare 23/E dell'ADE viene individuato l’esatto campo di applicazione della riduzione a un nono del minimo della sanzione in caso di regolarizzazione degli errori e delle omissioni; anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avvenuta entro il novantesimo giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro novanta giorni dall'omissione o dall'errore.

Il quadro può essere così sintetizzato:

  1. la riduzione a un nono del minimo della sanzione trova applicazione anche con riferimento a tributi diversi da quelli amministrati dall'Agenzia delle Entrate, inclusi i tributi locali e regionali e le tasse automobilistiche;
  2. la riduzione a un nono del minimo della sanzione deve essere intesa come un’ipotesi di regolarizzazione “intermedia” tra il c.d. ravvedimento breve nei 30 giorni e quello più ampio;
  3. in relazione agli omessi gli omessi versamenti, la riduzione a un nono del minimo della sanzione è da considerarsi una possibilità ulteriore rispetto a quella che permette la regolarizzazione entro trenta giorni dalla commissione della violazione. Per tali violazioni i 90 giorni entro cui ravvedersi, come specificato dalle Entrate, decorrono dal termine di scadenza del versamento;
  4. in relazione alle violazioni commesse mediante la presentazione della dichiarazione, la riduzione a un nono del minimo della sanzione rappresenta una specifica ipotesi di ravvedimento, con decorrenza dalla scadenza del termine di presentazione della dichiarazione;
  5. in relazione a tutte le violazioni diverse da quelle precedenti, la riduzione a un nono del minimo della sanzione costituisce una nuova ipotesi di riduzione sanzionatoria analoga, nella tempistica, a quella prevista per gli omessi versamenti (regolarizzazione da effettuare entro 90 giorni dalla commissione della violazione).

11 giugno 2015 · Giorgio Martini

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nuovo ravvedimento operoso - le precisazioni dell'ade. Clicca qui.

Stai leggendo Nuovo ravvedimento operoso - Le precisazioni dell'ADE Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 11 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria ravvedimento operoso Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca