Ravvedimento operoso per omesso o insufficiente pagamento dei tributi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina.

Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - Come funziona il ravvedimento operoso

Il mancato o parziale versamento di tasse e imposte può essere sanato con il ravvedimento operoso. La regolarizzazione si persegue eseguendo spontaneamente il pagamento dell'importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene [ ... leggi tutto » ]

Esempi pratici di ravvedimento operoso

Di seguito l'illustrazione di un caso pratico di ravvedimento operoso in cui il contribuente ha omesso il versamento della prima rata di acconto per il 2005 (che andava effettuato il 20 giugno 2005) pari a 700 euro. [ ... leggi tutto » ]

Ravvedimento breve per omesso o insufficiente pagamento dei tributi

Facciamo un altro esempio pratico di ravvedimento operoso: supponiamo che il proprietario di un immobile abbia registrato regolarmente un contratto di locazione di durata pluriennale ma che, per errore, abbia effettuato in misura insufficiente il versamento dell'imposta di registro (che ha deciso di versare in unica soluzione). Ipotizziamo che: [ ... leggi tutto » ]

Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - Ravvedimento lungo

Se la regolarizzazione avviene oltre i 30 giorni ma entro un anno (supponiamo, per esempio, il 18 novembre 2005, con 214 giorni di ritardo dalla scadenza originaria del pagamento), il contribuente dovrà versare: a) la differenza di imposta (200 euro); b) una sanzione di 12 euro (6% di 200 [ ... leggi tutto » ]