Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - Come funziona il ravvedimento operoso

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il mancato o parziale versamento di tasse e imposte può essere sanato con il ravvedimento operoso. La regolarizzazione si persegue eseguendo spontaneamente il pagamento dell'importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta.

I principali tributi che possono essere regolarizzati sono:

In particolare la prevista sanzione del 30% viene ridotta:

  • ad 1/8, ossia al 3,75%, se il pagamento viene eseguito entro 30 giorni dalla scadenza prescritta;
  • ad 1/5, ossia al 6%, se il pagamento viene effettuato con ritardo superiore ai 30 giorni, ma entro un anno dalla violazione. Quando è prevista la dichiarazione periodica il termine è quello previsto per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione.

Per regolarizzare l'omesso o insufficiente versamento del tributo dovuto non è necessario presentare una dichiarazione integrativa. Non sono considerati omessi i versamenti eseguiti tempestivamente ad un ufficio o concessionario diverso da quello competente.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Utente 29 ottobre 2010 at 13:47

    comunicazione di irregolarità relativa alla dichiarazione dei redditi

    E' successo anche a me. Mi hanno applicato la sanzione di 1/3 per non aver versato l'acconto, al mio commercialista dev'essere sfuggito. Colpa mia, credo, per aver lavorato nel 2008 per due aziende diverse nello stesso anno.

    Se noi contribuenti siamo dei lavoratori precari, è giusto che dobbiamo essere sanzionati, pure castigati per questo: oltre al pagamento di tasse sostanziose avendo percepito per pochi mesi poco più di 1100 euro, anche questo.

    In pratica, vogliono un acconto: dobbiamo fare da Banca all'Agenzia delle Entrate, poi, se effettivamente, nell'anno cui l'acconto si riferisce siamo disoccupati, poi si vede, ma che bello. SIAMO ORMAI ALLA FONDA, QUESTA E' UNA VERA INGIUSTIZIA.

    • cocco bill 29 ottobre 2010 at 13:55

      Ciao Utente. Vieni a trovarci sul forum di indebitati.it. Potrai così dar voce alle tue recriminazioni ed interagire con altri sudditi tartassati.

    1 30 31 32