Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - ravvedimento lungo

Vediamo un altro pratico esempio di applicazione del ravvedimento operoso. Supponiamo che il proprietario di un immobile abbia registrato regolarmente un contratto di locazione di durata pluriennale ma che, per errore, abbia effettuato in misura insufficiente il versamento dell'imposta di registro (che ha deciso di versare in unica soluzione).

Ipotizziamo che:

  • la scadenza del pagamento era il 18 aprile;
  • l'importo dovuto era di 500 euro;
  • il versamento effettuato è pari a 300 euro.
  • Se la regolarizzazione avviene oltre i 30 giorni, per esempio il 18 novembre 2005, con 214 giorni di ritardo dalla scadenza originaria del pagamento, ed il tasso legale annuo vigente in questi 214 giorni è pari al 2,5%, il contribuente dovrà versare:

    • a) la differenza di imposta (200 euro);
    • b) una sanzione di 7,5 euro (3,75% di 200 euro);
    • c) interessi per 2,93 euro (200 x 2,5% : 365 x 214).

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su omesso o insufficiente pagamento dei tributi - ravvedimento lungo. Clicca qui.

Stai leggendo Omesso o insufficiente pagamento dei tributi - ravvedimento lungo Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 11 gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria ravvedimento operoso Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info