Ravvedimento operoso - le sanzioni applicate dal primo gennaio 2015

A partire dal primo gennaio 2015, la sanzione ridotta applicata con il ravvedimento operoso sarà scaglionata secondo le aliquote illustrate nel seguito. In particolare sarà applicata una sanzione ridotta pari a:

  • 0,2% dell'imposta dovuta per ogni giorno di ritardo fra il 1° ed il 14° successivo alla scadenza prevista (ravvedimento brevissimo);
  • In pratica:

    • 0,2% dell'imposta dovuta per un giorno di ritardo rispetto alla scadenza prevista;
    • 0,4% dell'imposta dovuta per due giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista;
    • 0,6% dell'imposta dovuta per tre giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista;
    • 0,8% dell'imposta dovuta per quattro giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista;
    • ...
    • 2,6% dell'imposta dovuta per tredici giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista;
    • 2,8% dell'imposta dovuta per quattordici giorni di ritardo rispetto alla scadenza prevista;
  • 3% dell'imposta dovuta se il versamento viene effettuato dal 15° al 30° giorno successivo alla scadenza prevista (ravvedimento breve);
  • 3,3% dell'imposta dovuta se il versamento viene effettuato dal 31° al 90° giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro novanta giorni dall'omissione o dall'errore;
  • 3,75% dell'imposta dovuta se il versamento viene effettuato entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione, oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall'omissione o dall'errore;
  • 4,2% dell'imposta dovuta se il versamento viene effettuato entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro due anni dall'omissione o dall'errore;
  • 5% dell'imposta dovuta se il versamento viene effettuato oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione, oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, oltre due anni dall'omissione o dall'errore.

Per regolarizzare l'omesso o insufficiente versamento del tributo dovuto non è necessario presentare una dichiarazione integrativa. Non sono considerati omessi i versamenti eseguiti tempestivamente ad un ufficio o concessionario diverso da quello competente.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ravvedimento operoso - le sanzioni applicate dal primo gennaio 2015. Clicca qui.

Stai leggendo Ravvedimento operoso - le sanzioni applicate dal primo gennaio 2015 Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 11 gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria ravvedimento operoso . Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info