Ravvedimento operoso - le sanzioni

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

1. Ravvedimento operoso - Sanzioni per mancato pagamento dei tributi
2. Ravvedimento operoso - Sanzioni per violazioni di natura sostanziale nella quantificazione e nel pagamento delle imposte
3. Ravvedimento operoso - Sanzioni per presentazione della dichiarazione con ritardo non superiore a 90 giorni

Ravvedimento operoso - Sanzioni per mancato pagamento dei tributi

Alcune importanti disposizioni fiscali relative al ravvedimento operoso sono contenute nella legge di stabilità 2011 (legge numero 220 del 13 dicembre 2010).

In particolare, è stata modificata la misura delle sanzioni ridotte previste in caso di ricorso all'istituto del ravvedimento operoso sia lungo che breve. Le nuove misure si applicano per la regolarizzazione delle violazioni commesse a partire dal 1° febbraio 2011.

La sanzione relativa al ravvedimento operoso - ordinariamente prevista nella misura del 30% per l'omesso o insufficiente versamento delle imposte dovute a titolo di acconto o di saldo in base alla dichiarazione dei redditi e dell'Iva, e per l'omeso o insufficiente versamento delle ritenute alla fonte operate dal sostituto d'imposta - è così ridotta:

Ravvedimento operoso - Sanzioni per violazioni di natura sostanziale nella quantificazione e nel pagamento delle imposte

Potranno essere regolarizzati - ricorrendo all'istituto del ravvedimento operoso - mediante il pagamento della sanzione ridotta al 12,50% (pari a 1/8 della sanzione minima prevista del 100%) della maggiore imposta dovuta o della differenza di credito spettante, gli errori e le omissioni rilevabili in sede di liquidazione e di controllo formale della dichiarazione (articoli 36-bis e 36-ter del Dpr numero 600/1973), di seguito indicati:

Gli errori e le omissioni che configurerebbero la violazione di infedele dichiarazione, quali:



Ravvedimento operoso - Sanzioni per presentazione della dichiarazione con ritardo non superiore a 90 giorni

Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a 90 giorni la violazione potrà essere regolarizzata col lo strumento del ravvedimento operoso mediante il pagamento di una sanzione di 25 euro (pari a 1/10 del minimo di 258 euro), ferma restando l'applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei tributi, qualora non regolarizzate.

Nel forum di indebitati.it è possibile inserire domande sul ravvedimento operoso e sulle sanzioni connesse.

2 dicembre 2011 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

fisco tasse e tributi - contenuti obsoleti

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca